In manette imprenditore di pompe funebri: in giro di notte con una pistola clandestina

L'uomo, fermato per un controllo stradale, ha insospettito i carabinieri con il suo eccessivo nervosismo. E' scattata la perquisizione personale e del veicolo che ha permesso di trovare l'arma con matricola abrasa

E' finito in manette un 28enne di Carbonara di Nola, imprenditore nel settore delle pompe funebri.

L'uomo, questa notte, è stato fermato dai carabinieri della stazione di Palma Campania, per un normale controllo stradale. I militari dell'arma, insospettiti dall’atteggiamento del giovane, particolarmente nervoso e ansioso di andar via, hanno deciso di procedere con una perquisizione personale e del veicolo, trovando nella tasca posteriore del sedile passeggero, a rapida portata della mano destra, una semiautomatica calibro 7,65 con matricola abrasa, carica con 12 cartucce.

Sono ancora in corso le indagini per capire per quale motivo l’impresario di pompe funebri andasse in giro di notte armato. Intanto la pistola è stata repertata e verrà inviata al racis di Roma per verificarne l'eventuale utilizzo in fatti di sangue o intimidazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Sallusti ricorda Maradona: "Drogato, imbroglione, alcolista, sessista, evasore, comunista"

Torna su
NapoliToday è in caricamento