menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco di Portici contro il racket: vietati gli addobbi natalizi

Continua anche quest'anno l'iniziativa contro il racket lanciata negli anni scorsi dal sindaco di Portici Vincenzo Cuomo. Per la terza volta consecutiva saranno vietati gli addobbi e arredi natalizi per le vie della città. Proprio durante le feste natalizie il racket diventa infatti più invasivo

Dopo il successo degli anni passati il sindaco di Portici, Vincenzo Cuomo, continua anche quest’anno la sua lotta al racket. Per il terzo anno consecutivo, infatti, sono stati vietati addobbi e arredi natalizi sui marciapiedi antistanti le diverse attività commerciali.

Qualsiasi tipo di arredo, ed in particolare stuoie e tappeti, piante ornamentali e quant’altro, compresa l’installazione di sorgenti luminose esterne ai negozi sono stati banditi per prevenire fenomeni criminosi e infiltrazioni della camorra.

Con questa ordinanza Cuomo chiama a raccolta commercianti e istituzioni in prossimità delle feste natalizie quando il fenomeno del racket è più invasivo, arrivando a far parlare del cosiddetto «pizzo di Natale».

"Negli anni scorsi - ha detto il sindaco Cuomo - abbiamo inteso caratterizzare, soprattutto nel periodo natalizio, il nostro potere di ordinanza con atti chiari e mirati perché riteniamo che contro la camorra bisogna dare segnali chiari e inequivocabili che non lasciano spazio ad interpretazioni".
 
Di provvedimento importante ha parlato anche l´on. Pdl Marcello Taglialatela, componente della Commissione parlamentare Antimafia poiché: "Dimostra come lo Stato sia concretamente al fianco di cittadini e commercianti nella difficile lotta alla criminalità organizzata". Un atto significativo in una realtà come quella del territorio vesuviano che "da tempo - ha detto Taglialatela - fa registrare diversi, gravi episodi di criminalità organizzata che hanno colpito anche i politici, ora come vittime ora come complici, e quindi vi è la necessità che la lotta alla camorra prosegua senza sosta, quotidianamente, e anche con forti iniziative mediatiche".

Anche per l´on. del Pd Salvatore Piccolo, anch’egli membro della Commissione parlamentare Antimafia, si tratta di una ordinanza fondamentale per il contrasto alle illegalità. "Se noi riuscissimo - ha dichiarato Piccolo - su tutto il territorio ad impegnare i sindaci, le istituzioni locali oltre che le associazioni, avremmo fatto un grande passo avanti nel contrasto alla criminalità organizzata".

L´ordinanza rappresenta una vera e propria tutela per il commerciante dal momento che può farsi scudo del provvedimento e rifiutare, nel caso specifico, l´acquisto di addobbi e arredi. Un invito quindi a denunciare e a collaborare.


Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento