Sabato, 20 Luglio 2024
La dichiarazione

Gratteri: “Stop inchieste a orologeria prima del voto. Blocco di 60 giorni”

Il procuratore di Napoli si è detto d'accordo con la proposta

"Per chiudere la polemica sulle inchieste ad orologeria" si è detto d'accordo a "vietarle a 60 giorni dal voto, ma bisogna recuperare i termini dopo le elezioni". Lo ha detto Nicola Gratteri, Procuratore di Napoli, ospite a ReStart su Rai3, commentando la polemica sulle inchieste ad orologeria della magistratura.

''Spesso - ha detto il capo della Procura di Napoli - si fanno riforme normative inutili e anche dannose per risolvere i problemi della giustizia e velocizzare i tempi dei processi. Io dico di farne una sola: dite che da 60 o da 90 giorni prima delle elezioni non si possono fare arresti, perquisizioni e avvisi di garanzia. Però poi ci fate recuperare i termini dopo il voto. Facciamolo, sarei d'accordo per mettere fine per sempre a questa polemica''.

Il voto di scambio ''è antico quanto è antico il voto, perché chi ha pacchetti di voti non ha ideologia, non è né di destra né di sinistra e li offre al miglior offerente''. Ha aggiunto poi Gratteri. ''Oggi purtroppo si è perso il rossore, la vergogna e la gente si prostituisce per poco'' ha aggiunto il capo della Procura di Napoli, che non ha risparmiato le critiche al Governo. "Anche questo governo, di destra o di centrodestra non so, sta continuando a fare riforme che non servono alla giustizia'' ha concluso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gratteri: “Stop inchieste a orologeria prima del voto. Blocco di 60 giorni”
NapoliToday è in caricamento