Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Gratta e vinci rubato, direttore Monopoli: "Ecco come abbiamo ritrovato il tabaccaio"

Il direttore generale dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Marcello Minenna, racconta come hanno collaborato con le forze dell'ordine perché rintracciassero Gaetano Scutellaro

Marcello Minenna, direttore generale dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (Adm), ha parlato ad AdnKronos della vicenda accaduta a Materdei, dove un tabaccaio – secondo gli inquirenti – si sarebbe impossessato del Gratta e vinci da mezzo milione di una cliente per poi fuggire.

La vicenda, diventata rapidamente di primissimo piano, ha visto poi il fermo del 57enne Gaetano Scutellaro (già bloccato e denunciato in procinto di partire per le Canarie), nonché il recupero del biglietto in una banca di Latina.

È stata la tecnologia ad aiutare a ritrovare il fuggitivo. "Sappiamo qual è il tagliando (l'erogazione della vincita, ovviamente, è stata sospesa) grazie al fatto che il marito della tabaccaia, titolare della licenza, ha usato un telefonino per verificare per ben tre volte il biglietto fortunato. È stato, quindi, possibile risalire al cellulare e ai movimenti del telefonino e del suo proprietario fino a Fiumicino. C'è stata per questo un'importante collaborazione tra i carabinieri, l'ufficio investigazioni dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la polizia di frontiera. "Da noi è tutto registrato, monitorato sui nostri sistemi informatici, per questo è importante che il Gioco sia legale. È stato così che abbiamo capito cosa stava succedendo".

Al momento "la licenza della tabaccheria è stata sospesa". Quanto alla titolare, "la signora dovrà dimostrare la sua completa estraneità visto che è stato il marito ad aver compiuto il furto e, se in giudizio verrà dimostrato che lei non c'entra nulla, da parte nostra verranno perfezionati atti equilibrati ed oggettivi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gratta e vinci rubato, direttore Monopoli: "Ecco come abbiamo ritrovato il tabaccaio"

NapoliToday è in caricamento