Demolizione Vela Verde di Scampia, la lettera di 'donna Patrizia' di Gomorra

L'attrice Cristiana Dell'Anna, che ha interpretato il ruolo del boss di camorra in tre stagioni della fortunata serie Tv, scrive una accorata lettera su Instagram

(Ansa)

L'attrice partenopea Cristiana Dell'Anna, interprete di 'donna Patrizia', boss della camorra nella fortunata serie Tv 'Gomorra' ha scritto un lungo post, una sorta di lettera indirizzata alle Vele di Scampia, in particolare alla vela Verde per la quale da oggi inizia il nuovo processo di demolizione. Di seguito il testo integrale. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Demolizione vela Verde: "Giorno storico"

"Non posso nascondere a me stessa che una parte di me è trista al pensiero che la Vela Verde verrà abbattuta. Quaranta giorni di morte lente per quello che, sì è vero, è stato teatro (reale e di finzione) di malavita. Ma è pur sempre vita. In quelle vele ci hanno abitato, quelle vele hanno rappresentato la necessità di miglioramento, la richiesta di uno sguardo, di attenzione, di una mano. Allora, che buttarle giù non sia solo un voler ripulire la faccia per dimenticare di nuovo tutto. Avrei certo preferito, nel mio mondo ideale, che fossero state recuperate, trasformate in qualcosa di grandioso, una università o un museo di arte, qualcosa che simboleggiasse la rinascita. Ma si sceglie di mandarle giù. Per ragioni che non so, forse di costi, forse chissà. Va bene. Ma non dimenticherò mai. Quando il male ti tocca, quando lo vedi, anche quando lo interpreti solamente, ti cambia, ti apre gli occhi. Il cuore ti sanguina e lo porterai sempre con te. Ti aiuterà forse ad acuire il pensiero e sofisticare l'anima, per metterla un po' come Robert Musil ne 'I turbamenti del giovane Torless'. Perché questo mi suscitano le vele: turbamento di gioia e dolore, casa e prigione, odio e profondissimo amore. E' difficile parlarne. E' difficilissimo. Ti voglio bene Scampia. Ti voglio bene". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento