Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carabinieri, il nuovo comandante: "Attaccare i capitali della camorra"

Il generale Canio Giuseppe La Gala succede a Ubaldo Del Monaco: "Posso contare su un gruppo di investigatori formidabili. Visiterò presto le periferie"

 

"La camorra non si sconfigge solo con arresti e repressione, ma soprattutto andando ad attaccare le sue ricchezze, i rubinetti del suo patrimonio". Si è presentato così Canio Giuseppe La Gala, il neocomandante provinciale dei carabinieri di Napoli che succede ad Ubaldo Del Monaco. Il generale ha salutato i suoi uomini e la stampa alla Caserma Pastrengo.

La criminalità organizzata gli ha dato un virtuale "benvenuto" con due omicidio in due giorni tra Melito e Scampia: "Ovviamente sono appena arrivato e non posso entrare nel merito delle indagini, ma posso assicurarvi che vantiamo un gruppo di investigatori formidabili e presto ci saranno novità". La Gala si è formato alla Nunziatella, dalla quale è uscito nel 1982. Il primo incarico nella periferia Nord di Napoli: "Ritornare a Napoli da comandante è un orgoglio - ha affermato - presto sarò sul territorio, partendo proprio dai quartieri periferici, per parlare con gli uomini e le donne che rappresentanto l'arma in queste zone di frontiera. Sono loro le sentinelle e i punti di riferimento per i cittadini". 

Il neocomandante non si aggrappa alla mancanza di personale: "Tutti vorrebbero lavorare con più uomini, ma le attuali forze dei carabinieri, circa 3.700 unità, sono soddisfacenti per raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissato". Infine un appello alla cittadinanza: "Ciò che contraddistingue Napoli sono il calore e l'umanità dei cittadini a cui chiedo di denunciare gli illeciti e di fidarsi dei militari dell'Arma. Siamo qui per migliorare la vita delle persone per bene". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento