menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Biblioteca dei Girolamini

Biblioteca dei Girolamini

Girolamini, sei arresti in tutta Italia: indagato Dell'Utri

Le accuse: associazione a delinquere finalizzata al peculato, alla falsificazione e alla ricettazione di migliaia di volumi antichi. Ricostruiti nei dettagli i meccanismi attraverso i quali la Biblioteca veniva depredata

Sei arresti sono stati eseguiti dalla procura di Napoli e dai carabinieri del Reparto Operativo - Sezione Antiquariato del Comando Tutela del Patrimonio Culturale nei confronti di soggetti accusati di associazione a delinquere finalizzata al peculato, alla falsificazione e alla ricettazione di migliaia di volumi antichi asportati dalla Biblioteca Oratoriana dei Girolamini di Napoli. Quattro delle sei ordinanze di custodia cautelare sono state notificate questa mattina dai carabinieri a persone già detenute, alle quali viene ora contestato il reato di associazione per delinquere.

Sono inoltre stati arrestati un legatore di Bologna, che secondo l'accusa provvedeva a cancellare dai libri rubati i contrassegni della Biblioteca dei Girolamini ed un 'runner' che faceva da cerniera tra gli antiquari e il gruppo che si appropriava dei volumi. Gli investigatori hanno ricostruito nei dettagli i meccanismi attraverso i quali la Biblioteca veniva depredata e attraverso quali canali i libri finivano in importanti librerie antiquarie. Agli atti dell'inchiesta ci sono anche le dichiarazioni di noti antiquari che hanno acconsentito a collaborare con gli investigatori.


Il senatore del Pdl, Marcello Dell'Utri, è indagato per concorso in peculato nell'ambito dell'inchiesta sulla spoliazione della storica Biblioteca. Dell'Utri avrebbe ricevuto alcuni dei numerosi volumi sottratti dalla Biblioteca dall'ex direttore Marino Massimo De Caro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento