Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

La storia del padre del ministro Costa, scappato a piedi da un campo di prigionia

Detenuto in Sassonia per due anni è riuscito a tornare. Una medaglia in suo ricordo data al figlio stamattina

"La Giornata della Memoria voglio ricordarla con una storia che fa parte di me e della mia famiglia". Così il ministro dell'Ambiente Sergio Costa che esorta a ricordare, sempre, raccontando una vicenda personale, quella del padre deportato in un campo di lavoro in Sassonia. "Mio padre quel giorno si trovò solo nel posto sbagliato al momento sbagliato. Non aveva neanche 18 anni - ricorda Costa - Stava dirigendosi dai Vergini, a Napoli, dove si trovava il palazzo di famiglia, verso piazza Dante, proprio mentre le SS stavano chiudendo e rastrellando. Portarono via anche lui, che riuscì a infilare un biglietto nelle mani di un passante, scampato alla razzia, per avvisare i suoi genitori".

"I miei nonni - continua il ministro - dovettero accontentarsi di quelle poche righe, e per due anni e mezzo non lo videro più. Per lunghi mesi non seppero neanche se fosse vivo, o morto. Papà fu portato in un lager, un campo di lavoro, in Sassonia. A poca distanza da un campo di sterminio, di cui vedeva i fumi e l'acre odore della morte, innalzarsi verso il cielo. Due anni e mezzo dopo, con un gruppo di sopravvissuti, riuscì a scappare. Attraversarono l'Europa a piedi e con mezzi di fortuna, mangiando ciò che la generosità delle persone dava loro, arrivarono in Italia. Papà riuscì a riabbracciare i miei nonni, che ormai disperavano. Durante quel periodo scrisse anche un diario, raccontando ciò che provava: la violenza, la morte, ma anche la solidarietà e l'amore".

"Io e mio fratello siamo sempre stati molto fieri di lui e di questa storia che ci scorre nel Dna, anche se abbiamo sempre avuto pudore a renderla pubblica. Questa mattina in Prefettura a Napoli abbiamo ricevuto una medaglia per lui, in occasione della giornata internazionale della Memoria. Una giornata - conclude il ministro - che racconta di milioni di storie personali e familiari, dolori indicibili, ma anche solidarietà e legami affettivi che sono l'antidoto alla dannazione dei lager. La Giornata della Memoria deve essere narrata sempre affinché non accada mai più".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia del padre del ministro Costa, scappato a piedi da un campo di prigionia

NapoliToday è in caricamento