menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giocattoli per i bambini delle vittime di violenza: l'iniziativa

Ci sarà la prima consegna di giocattoli e prodotti per l'infanzia nell'ambito del progetto "Adotta una casa d'accoglienza per donne maltrattate con bambine e bambini"

Domani, giovedi' 15 aprile, alle 16, davanti alla sede del Comune di Napoli, ci sarà la prima consegna di giocattoli e prodotti per l'infanzia nell'ambito del progetto "Adotta una casa d'accoglienza per donne maltrattate con bambine e bambini". Parteciperà l'assessora comunale alle Pari opportunità Francesca Menna. "Ringrazio la sensibilità di chi ha voluto, con questo gesto concreto - ha sottolineato l'assessora -, accendere un faro sul problema della violenza sulle donne e sui bambini e le bambine. La violenza contro le donne non è un fatto privato ma riguarda tutta la comunità e un gesto di attenzione come questo lo dimostra".

"Una donna su tre, almeno una volta nella vita, ha subito una violenza e, rispetto al passato, oggi si hanno maggiori strumenti e informazioni per riconoscere che quello che si sta subendo è un maltrattamento. La violenza sulle donne - ha ricordato Gaetana Castellaccio, responsabile area accoglienza donne della cooperativa Dedalus - è strutturale, dunque riguarda la società tutta. Vedere la partecipazione anche dell'imprenditoria nella costruzione di percorsi di liberazione attraverso tali gesti ci dà il segnale che siamo sulla buona strada affinché tutti provino a partecipare alla costruzione di una società libera dalla violenza maschile sulle donne".

I prodotti, donati da imprenditori napoletani, saranno consegnati a Casa Fiorinda, luogo dove "sono messi in protezione - ha spiegato la coordinatrice del centro Nicoletta Schiano Di Cola - quattro donne e quattro minori e in questi dieci anni di lavoro più di 200 sono state le persone accolte che grazie a percorsi di sostegno psicologico e legale ma anche di sostegno materiale, hanno potuto cominciare una nuova vita. Alle volte le donne arrivano in Casa Fiorinda assieme ai loro figli e figlie senza portare nulla con sé, in fuga dai maltrattamenti. Grazie a chi ci aiuta a ricostruire la loro vita".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

social

Lotto, estrazione di lunedì 3 maggio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento