Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gianni Fiorellino positivo al Covid: "I miei figli attendono il tampone. Cittadini abbandonati"

Il cantante napoletano è in isolamento da giorni: "Aspettiamo i tamponi domiciliari ma non abbiamo notizie. Il mio bimbo più piccolo è immunodepresso abbiamo paura che possa aver contratto il virus. Raccontano che abbiamo la migliore sanità ma non è vero"

 

"Sono risultato positivo al Covid-19, ma io e la mia famiglia attendiamo i tamponi da giorni". E' un grido di disperazione quello che Gianni Fiorellino lancia dall'isolamento domiciliare. Il cantante napoletano si fa portavoce dei cittadini che si stanno scontrando con le lentezze del sistema sanitario campano. "Il giorno 8 ottobre sono risultato positivo un test rapido. Per avere conferma del contagio, devo attendere il tampone molecolare dell'Asl Napoli 3, così come mia moglie e i miei figli che sono contatti diretti. Gli operatori ci hanno assicurato che il 9 e 10 ottobre sarebbero venuti a casa, ma non si è presentato nessuno. Intanto io vivo in una stanza e mia moglie e i miei figli sono nel resto della casa, con la paura di essere stati contagiati. Mio figlio più piccolo è immunodepresso e questo si fa temere ancora di più". 

Fiorellino si scaglia contro le istituzioni sanitari: "Dicono in pubblico che è la Sanità migliore d'Italia ma non è vero, non hanno nulla se non numeri verdi fantasma, ai quali rispondono centralinisti che non sanno che cosa dirti. Inoltre, io ho segnalato 20 famiglie con cui sono stato a contatto nelle 48 ore prima di avere il risultato del test rapido. Nessuno di loro è stato sottoposto a tampone, l'Asl gli hanno detto di aspettare 14 giorni o di andare in ospedale". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento