menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giancarlo Siani

Giancarlo Siani

Giancarlo Siani, 26 anni fa la morte. Cesaro: "Un esempio straordinario"

Il presidente della Provincia di Napoli: "Siani non è più solo un giornalista vittima della lotta per la libertà e l'affrancamento del territorio dalla camorra. Giancarlo è diventato qualcosa di più"

Una data che ritorna sempre: 23 settembre 1985. Quattro giorno dopo aver compiuto 26 anni, veniva ucciso sotto casa e all'interno della propria Mehari Giancarlo Siani, giornalista precario de Il Mattino. La sua colpa: aver raccontato in un articolo datato 10 giugno 1985 le modalità con le quali i carabinieri erano riusciti ad arrestare Valentino Gionta, boss di Torre Annunziata. Ma da tempo, d'altronde, i camorristi erano inferociti per tutto quello che Siani scriveva.

IL RICORDO - "Siani non è più solo un giornalista vittima della lotta per la libertà e l'affrancamento del territorio dalla camorra. Giancarlo è diventato qualcosa di più, un simbolo, un esempio, specialmente per i giovani d'oggi, prossimi attori di una società che sta vivendo momenti complessi e difficili - commenta in queste ore il presidente della Provincia di Napoli Luigi Cesaro - e ricordare la sua figura rappresenta un prezioso momento di condivisione per trasformare la sua tragica morte in memoria comune, in nome di un'informazione libera dai ricatti e dai condizionamenti di tutte le mafie. La sua vita di giovane cronista, meticoloso nel suo lavoro di ricerca su un territorio complesso come quello della provincia di Napoli, è un esempio straordinario per le nuove generazioni e per tutti quelli che scelgono la forza del giornalismo per raccontare i fatti con rigore e senza paura".


LE INIZIATIVE - Presso l´I.S.I.S. “PITAGORA” di Torre Annunziata una lettura degli scritti tratti da “Le Parole di una Vita” di Giancarlo Siani a cura di Raffaele Giglio, Phoebus editore. Questa sera alle 19, presso l´Auditorium Parrocchiale SS Trinità in via G. Alfani a Torre Annunziata, appuntamento organizzato dal Centro Studi Legalità&Sviluppo, dalle Comunità parrocchiali, l´Associazione Libera -nomi e numeri contro le mafie, la Casa della Solidarietà , l´Osservatorio Ambiente e Legalità di Legambiente, la Fondazione Caponnetto, la Rete per la Legalità, i Familiari vittime di Mafia e Camorra e Flare Network.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento