rotate-mobile
Cronaca Castellammare di stabia

Spari contro un 50enne dopo la lite: scattano le manette per "i gemelli"

La spedizione punitiva è stata eseguita qualche ora dopo il litigio

Questa mattina, a Sant'Antonio Abate e Santa Maria La Carità, i Carabinieri della Compagnia di Castellammare di Stabia hanno tratto in arresto due fratelli gemelli, 35enni, gravemente indiziati dei reati di lesioni aggravate e di porto e detenzione illegali di arma da sparo. I fatti risalgono alla serata dello scorso 4 maggio, quando i due indagati avrebbero gambizzato un pregiudicato 50enne a colpi di pistola all'interno del Rione Savorito di Castellammare di Stabia.

Secondo la ricostruzione investigativa, tutto sarebbe partito da una lite per futili motivi avvenuta nei pressi dello Stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia in seguito ad un sinistro stradale tra due motocicli: in quel frangente la vittima, testimone oculare del sinistro, avrebbe preso le difese della controparte e ne sarebbe scaturito un violento litigio, vendicato successivamente da uno dei due arrestati con la complicità del fratello gemello a distanza di circa 3 ore dal sinistro.

L'azione di fuoco era avvenuta proprio sotto casa della vittima, residente nel cuore del Rione Savorito. La spedizione punitiva "a domicilio" ha provocato alla persona offesa una ferita alla gamba sinistra giudicata guaribile in 10 giorni. Dopo le formalità di rito, i due arrestati, nei confronti dei quali questo Ufficio aveva chiesto l'applicazione della custodi cautelare in carcere, sono stati sottoposti al regime degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari contro un 50enne dopo la lite: scattano le manette per "i gemelli"

NapoliToday è in caricamento