Galleria Umberto in mano alle baby gang: "Scorribande in scooter e partite di calcio"

Borrelli e Simioli: "Si deve garantire una sorveglianza più attenta con un coordinamento tra le forze dell'ordine in modo che la Galleria, che è un monumento, sia costantemente controllata"

“Nonostante le promesse di maggiori controlli, questa notte, come tutte le altre notti, vere e proprie baby gang hanno preso possesso della Galleria Umberto di Napoli improvvisando partitelle a calcio, facendo scorribande con gli scooter e mettendo a rischio l’integrità delle vetrate e delle saracinesche con violente pallonate che somigliano più a un tiro al bersaglio che a un semplice calcio a un pallone”. A denunciarlo Gianni Simioli de La radiazza e il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nonostante i tanti spunti e le tante buone intenzioni emerse nel corso dell’incontro tra il comitato spontaneo di residenti e commercianti, guidato dal professor Renato Pierantoni, con il vice sindaco Del Giudice, al momento, non ci sono stati cambiamenti sostanziali” ha aggiunto Borrelli per il quale “è pur vero che, per una soluzione definitiva, servono interventi strutturali ai quali non può provvedere uno solo dei soggetti interessati e competenti ma, nell’immediato, si può e si deve garantire una sorveglianza più attenta con un coordinamento tra le forze dell’ordine in modo che la Galleria, che è un monumento, sia costantemente controllata. Per questo, chiediamo alla Prefettura di rendersi protagonista di un incontro che permetta di organizzare il coordinamento degli interventi delle forze dell’ordine",

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • "A Napoli c'è anche un'eccellenza": il post di Mentana fa indignare i napoletani

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Rione Sanità, muore per Covid-19 a soli 42 anni: tamponi ai familiari

Torna su
NapoliToday è in caricamento