Cronaca

G20 Ambiente a Napoli: iniziano i lavori a Palazzo Reale tra le proteste degli attivisti

Per l'evento internazionale è stata anche emessa un'ordinanza ad hoc per il traffico nella zona

Parte oggi a Napoli la due giorni su Ambiente, Clima ed Energia che vede riunirsi i ministri dell'Ambiente del G20. Tutti i lavori avranno al centro sostenibilità e transizione ecologica, con clima ed energia che vanno di pari passo. I ministri, riuniti a Palazzo Reale, in particolare, si soffermeranno su tre pilastri: persone, pianeta e prosperità. L'obiettivo, come è noto, è quello di coniugare tutela dell'ambiente e spinta verso la crescita e il progresso.

Il Governo italiano - promotore della due oggi - precisa che la direzione deve essere quella di creare le condizioni per un rilancio che sia ambizioso, efficace e sostenibile e tutto ciò dovrebbe tradursi nella dichiarazione finale che i ministri adotteranno all'ombra del Vesuvio.

Proteste al porto contro il G20

Un grande evento internazionale che però, già dalle scorse ore, ha visto le proteste di diversi attivisti dei movimenti ambientalisti e dei centri sociali. Un sit-in di protesta, in particolare, è stato inscenato nel porto commerciale di Napoli. I manifestanti hanno esposto uno striscione con la scritta "Stop G20" e "Lavoro salute ambiente la lotta è una sola, insorgiamo". Ieri pomeriggio, inoltre, un gruppo di attivisti è riuscito a varcare la soglia della "zona rossa" riuscendo ad entrare in piazza Plebiscito ed esponendo striscioni contro il G20.

Insieme al terminal Conateco bloccata anche la raffineria Q8 di via Galileo Ferraris da un centinaio di attivisti che dicono "no all'ipocrisia del G20 e delle politiche di greenwashing". "Il G20 balla sul Titanic - spiegano gli attivisti - e noi tutte e tutti, parti di questa umanità che vive in terza classe, stiamo affondando insieme a tutto il pianeta se non ci ribelliamo a questo gruppo di autocrati che agisce soltanto in nome degli interessi e dei profitti delle multinazionali".

"E' urgente mettere in discussione questo modello di sviluppo per non lasciare alle nuove generazioni un mondo sempre più tossico e invivibile come ci dicono i disastri climatici che si riproducono in questi giorni e l'emergere di nuove pandemie legate proprio alla distruzione degli ecosistemi. E' urgente agire adesso. Giustizia ambientale e giustizia sociale sono due lati della stessa medaglia", hanno concluso.

WhatsApp Image 2021-07-22 at 10.21.17-2

Strade chiuse per tre giorni

La "zona rossa" è stata delimitata dopo che il comune ha adottato una serie di provvedimenti. Stop al traffico e alla sosta, in alcune zone, anche al transito pedonale nelle aree del lungomare e in quelle vicine al Palazzo Reale a Napoli dal 20 al 23 luglio.

A) il divieto di transito veicolare e pedonale, eccetto per i veicoli e le persone autorizzate nelle seguenti
aree:
1. dalle ore 7.00 del 21 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021:
a) via Partenope, intera carreggiata antistante gli alberghi ad eccezione del marciapiede lato mare;
b) via Nazario Sauro, intera carreggiata dalla confluenza con via Partenope, all'intersezione con via Lucilio, ad eccezione del marciapiede lato mare;
c) perimetro di Palazzo Reale;
d) area pedonale dell'ansa del Teatro San Carlo;
2. dalle ore 7.00 alle ore 24.00 di giovedì 22 luglio 2021:
a) intera area di piazza del Plebiscito, compreso l'interviale della Prefettura, ad esclusione del colonnato della Chiesa di San Francesco da Paola e dell'interviale di Palazzo Salerno;
b) piazza Trieste e Trento, area compresa tra angolo edificio prefettura intersezione con via Chiaia (altezza bar “Gambrinus”) ed angolo edificio palazzo adiacente Chiesa di San Ferdinando ad esclusione della fontana centrale;
c) via Riccardo Filangieri di Candida Gonzaga;
d) via San Carlo ad esclusione del marciapiedi lato Galleria Umberto I;
3. dalle ore 7.00 a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021:
a) intera area di piazza del Plebiscito, compreso l'interviale della Prefettura, ad esclusione del colonnato della Chiesa di San Francesco da Paola e dell'interviale di Palazzo Salerno;
b) piazza Trieste e Trento, area compresa tra angolo edificio prefettura intersezione con via Chiaia (altezza bar “Gambrinus”) ed angolo edificio palazzo adiacente Chiesa di San Ferdinando ad esclusione della fontana centrale;
c) via Riccardo Filangieri di Candida Gonzaga;
d) via San Carlo ad esclusione della corsia di marcia e del marciapiedi lato Galleria Umberto I, con l'istituzione del senso unico alternato sulla predetta corsia dedicata el transito veicolare;
4. In ottemperanza all'ordinanza prefettizia ex art. 2 TLPS del 17 luglio 2021, nelle date e fasce orarie indicate ai precedenti punti 1, 2 e 3, per quanto riguarda le disposizioni di viabilità, le aree sopra indicate sono soggette alle seguenti prescrizioni:
? divieto di transito veicolare e pedonale, fatta eccezione per gli autorizzati impegnati nell'organizzazione dell'evento. Ai residenti sarà consentito esclusivamente l'accesso pedonale utilizzando il marciapiede lato destro di via San Carlo, in direzione piazza Trieste e Trento;
? limitatamente a via Partenope, sarà consentito l'accesso dei mezzi di trasporto pubblico di linea e non di linea (autobus di ANM, Taxi, etc.), dei mezzi pesanti di A.S.I.A., nonché dalle 4.00 alle ore 6.00, dei fornitori degli esercizi commerciali che insistono nell'area.
B) dalle ore 00.01 del giorno 20 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021:
1. il divieto di sosta permanente con rimozione coatta e il divieto di fermata con revoca di tutte le aree di sosta riservate e/o a pagamento (strisce blu) e dei motoveicoli, nelle seguenti strade:
a) piazza Trieste e Trento,
b) via San Carlo;
c) via Riccardo Filangieri di Candida Gonzaga,
2. in deroga ai divieti riportati al precedente punto 1, è consentito l'utilizzo degli stalli di sosta personalizzati riservati ai disabili nominativamente autorizzati.
C) dalle ore 7.00 del giorno 22 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021:
1. sospensione della fermata autobus in via San Carlo (di fronte all'ingresso principale del Teatro San Carlo) e in via Partenope,
2. sospensione dell'area di parcheggio taxi di via San Carlo, adiacente ingresso Galleria Umberto I, fronte Teatro San Carlo.
D) dalle ore 00.01 del giorno 20 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021:

1. il divieto di sosta permanente con rimozione coatta e il divieto di fermata con revoca di tutte le aree di sosta riservate e/o a pagamento (strisce blu) e dei motoveicoli, su entrambi i lati delle carreggiate delle seguenti strade:
a) via Vittorio Emanuele III,
b) via Acton;
c) via Gennaro Serra;
d) via Cesario Console, dall'intersezione con via Santa Lucia a quella con piazza plebiscito;
e) via Nazario Sauro;
f) via Partenope;
g) via Lucilio;
h) via Chiatamone;
i) via Generale Orsini;
j) corso Vittorio Emanuele, dall'incrocio con via Tasso fino a 200 metri dopo l'Hotel “Parcher's”,
k) via Tasso, dall'incrocio con corso Vittorio Emanuele e fino a 200 metri dopo l'Hotel “Britannique”;
l) corso Vittorio Emanuele, dall'incrocio con via Tasso fino a 200 metri in direzione piazza Saverio Mercadante;
m) corso Vittorio Emanuele, dall'incrocio con piazzetta San Sepolcro e fino al civico 334;
n) via Catullo, dalla scalinata altezza civico 6 e fino all'intersezione con via Orazio,
o) via Carbonara, dall'incrocio con Gradini Santi Apostoli fino all'intersezione con via Santa Sofia,
p) via Santa Sofia fino all'intersezione con vico Santa Sofia;
q) vico Santa Sofia;
r) largo Santi Apostoli;
2. in deroga ai divieti riportati al precedente punto 1, è consentito l'utilizzo degli stalli di sosta personalizzati riservati ai disabili nominativamente autorizzati.
E) dalle ore 7.00 del giorno 21 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021:
1. il divieto di transito veicolare in via Partenope e via Nazario Sauro (dalla confluenza con via Partenope all'intersezione con via Lucilio);
2. in deroga al divieto su via Partenope di cui al punto 1, sarà consentito il transito dei dei mezzi di trasporto pubblico di linea e non di linea (autobus di ANM, Taxi, etc.), dei mezzi pesanti di A.S.I.A., nonché dalle 4.00 alle ore 6.00, dei fornitori degli esercizi commerciali che insistono nell'area,
3. sospensione dello stazionamento taxi di via Santa Lucia (dall'intersezione con via Chiatamone
all'intersezione con via Partenope/via Nazario Sauro);
4. in via Chiatamone:
a) il doppio senso di circolazione;
b) obbligo di andare dritto:
1. verso via Domenico Morelli, all'intersezione con via Giorgio Arcoleo;
2. verso via via Lucilio, all'intersezione con via Santa Lucia;
5. in via Lucilio, obbligo di fermarsi e di dare la precedenza ai veicoli transitanti in via Nazario Sauro;
6. in via Giorgio Arcoleo, senso unico di circolazione da piazza Vittoria a via Chiatamone/via Domenico Morelli;
7. in via Nicolò Tommaseo:
a) obbligo di fermarsi e di dare la precedenza ai veicoli transitanti in via Giorgio Arcoleo;
b) obbligo di svolta a destra.

F) dalle ore 7.00 del giorno 22 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021, il divieto di sosta permanente
con rimozione coatta e il divieto di fermata in via Santa Lucia, su entrambi i lati della carreggiata;
G) il giorno 22 luglio 2021, dalle ore 7.00 fine cessate esigenze dello stesso giorno, e il giorno 23 luglio 2021,
dalle ore 7.00 fine cessate esigenze dello stesso giorno:
1. il divieto di transito veicolare in via Gennaro Serra, dall'intersezione di piazza Santa Maria degli Angeli a
piazzetta Carolina;
2. il divieto di transito veicolare in via Giovanni Nicotera, all'intersezione con via Santa Teresella agli Spagnoli, eccetto i veicoli per le emergenze ed il soccorso, delle forze dell'Ordine nonché i veicoli dei residenti della zona di Monte i Dio: via Giovanni Nicotera (tratto da via Santa Teresella agli Spagnoli al piazza Santa Maria degli Angeli), piazza Santa Maria degli Angeli, vico Monteroduni, via Gennaro Serra, vico S. Spirito di Palazzo, piazza Carolina, via Chiaia, via Nuova Pizzofalcone, via Egiziaca a Pizzofalcone, via Monte di Dio, viale Calascione, Supportico D'Astuti, via Nunziatella, via Generale

Parisi, vico Barriera a Pizzofalcone, via Pallonetto a Santa Lucia, vico Solitaria, via Solitaria, piazzetta Salazar, rampe Paggeria;
H) dalle ore 18.00 del giorno 21 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021, la sospensione dello stazionamento taxi di piazza Carolina;
I) dalle ore 00.01 del giorno 20 luglio a fine cessate esigenze del 23 luglio 2021, il divieto di transito e di circolazione ai veicoli con massa superiore a 3,5 tonnellate, eccetto per i veicoli del trasporto pubblico di linea e non di linea, all'interno dell'area del Centro delimitate dalle seguenti strade: via Nuova Marina (altezza Chiesa di Santa Maria di Portosalvo), via marchese Campodisola, piazza Bovio, via cardinale Guglielmo Sanfelice, via Monteoliveto, via Sant'Anna dei lombardi, piazza sette Settembre, piazza Dante, via Pessina, piazza Museo Nazionale, via Salvator Rosa, corso Vittorio Emanuele, salita Piedigrotta, piazza Sannazaro,
Galleria Laziale, via Sannazaro, via Caraccolo, via Partenope, via Nazario Sauro, via Acton, via Colombo. Ogni altra ordinanza in contrasto con la presente deve intendersi sospesa. Per tutta la validità del presente provvedimento, i Residenti, possessori di permesso di sosta nei settori a tariffa senza custodia interessati dai divieti di sosta con rimozione coatta, sono autorizzati a sostare nei settori adiacenti a quelli interessati dai divieti.

Per particolari esigenze di Ordine Pubblico il Servizio Autonomo Polizia Locale è autorizzato ad adottare ogni altro provvedimento di carattere contingente che si ritenga necessario per la disciplina e la sicurezza della circolazione veicolare e pedonale e potrà adottare tutti i necessari accorgimenti qualora se ne presentasse l'opportunità nonché a modificare l'orario di attivazione della presente Ordinanza Dirigenziale, in coordinamento con le altre forze dell'Ordine, a secondo delle esigenze del traffico veicolare/pedonale e delle esigenze di sicurezza.
Il Servizio Autonomo di Polizia Locale è incaricato di vigilare, unitamente a tutti gli altri Agenti della Forza Pubblica previsti dall’art. 12 del D.LGS 30/04/1992 n°285, per l’esatta osservanza della presente Ordinanza. A norma dell'art.3 comma 4 della legge 241/1990, avverso la presente Ordinanza, chiunque abbia interesse potrà ricorrere, entro sessanta giorni dalla sua pubblicazione, al Tribunale Amministrativo Regionale, ovvero entro centoventi giorni dalla pubblicazione, al Capo dello Stato.
Ai sensi dell'art. 37 del C.d.S., D.Lgs. 285/92, avverso il presente provvedimento è ammesso ricorso, da chi abbia interesse all'apposizione della segnaletica, al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, entro sessanta giorni dalla pubblicazione, con le formalità stabilite dall'art. 74 del Regolamento di Esecuzione D.P.R. 495/92.
Il Servizio Autonomo Polizia Locale è autorizzato ad adottare ogni altro provvedimento di carattere contingente che si ritenga necessario per la disciplina e la sicurezza della circolazione veicolare e pedonale qualora se ne rendesse la necessità.

Percorsi alternativi

Si è reso necessario, tra l'altro, istituire il doppio senso di circolazione su via Chiatamone, con probabili rallentamenti nella percorrenza da Chiaia al Centro e viceversa.

Al fine di non impegnare tale asse stradale con probabili ripercussioni e rallentamenti su tutta la viabilità dell'area centrale, si consigliano i seguenti percorsi:

Piazza Municipio – piazza Dante – via Salvator Rosa – corso Vittorio Emanuele zona Chiaia/Fuorigrotta e viceversa;

Piazza Municipio – piazza Dante – via Santa Teresa degli scalzi – Tangenziale – Fuorigrotta/Chiaia e viceversa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

G20 Ambiente a Napoli: iniziano i lavori a Palazzo Reale tra le proteste degli attivisti

NapoliToday è in caricamento