Rubano antico calice del 1861 durante la messa: fermati mentre tentano la fuga in Circumvesuviana

I due sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di furto aggravato

Nella serata di ieri gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Torre Annunziata sono intervenuti presso la chiesa San Giuseppe in via Plinio, dove il sacerdote aveva chiesto il loro intervento per un furto appena commesso.

Gli agenti hanno accertato che un uomo e una donna, approfittando del deflusso dei fedeli dopo la celebrazione delle funzioni delle ore 18.00, si erano avvicinati all’altare e avevano trafugato un antico calice del 1861 con la patena.

Grazie alle dettagliate descrizioni fornite da una donna che aveva notato la scena e aveva dato l’allarme, i poliziotti hanno rintracciato, poco dopo, gli autori del furto mentre tentavano di salire a bordo di un treno della Circumvesuviana, da Castellammare diretti a Sorrento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due sono stati denunciati in stato di libertà per il reato di furto aggravato, mentre gli oggetti sacri, recuperati dalla Polizia, sono stati restituiti al parroco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

  • Coronavirus, due nuovi decessi in Campania: i nuovi casi tutti a Napoli e provincia

Torna su
NapoliToday è in caricamento