Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Applausi e palloncini ai funerali di Imma. Il centro anti-violenza: "Non c'è tutela per chi denuncia"

 

Boscoreale e Terzigno si uniscono nell'ultimo abbraccio a Immacolata Villani, la donna uccisa dal marito Pasquale Vitiello lunedì scorso. Boscoreale è il Comune dove lei abitava, Terzigno il luogo della tragedia. Le persone aspettano in religioso silenzio all'esterno della Chiesa di S. Anna ai Pellegrini.

Il carro funebre arriva attorniato da decine e decine di conoscenti, familiari o semplici sconosciuti. Molti di loro indossano una maglia con il volto di Imma.

Quando il feretro si avvicina alla Chiesa, il silenzio è rotto dal fragore di un applauso commosso e allo stesso tempo incredulo. C'è anhe la sorella di Pasquale Vitiello, l'uomo che dopo il folle gesto si è tolto la vita. Indossa anche lei la maglia con il volto di Imma. Al termine dell'omelia, la bara è salutata da palloncini e ancora applausi e dal grido “Imma vive”.

Il grande punto interrogativo pesa come un macigno: Se Imma aveva denunciato le violenze, perché non è stato fatto nulla? Il sindaco di Terzigno Francesco Ranieri assicura che "...ai nostri uffici non è giunta alcuna denuncia, altrimenti avremmo potuto fare qualcosa in più. Non so se Imma aveva denunciato le violenze ai carabinieri". 

Presente anche l'assessore regionale alle Pari opportunità, Chiara Marciani: "Spesso le denunce delle donna non vengono prese nella giusta considerazione. Ecco perché dico che ci sono anche i centri anti-violenza in cui possiamo sostenere anche economicamente queste persone". 

Ma è proprio dai responsabili del centro anti-violenza 'Ti ascolto' che arriva una stringente verità: "Non c'è alcuna tutela per le donne che denunciano. La legge deve essere cambiata. Da giugno a oggi abbiamo raccolto 42 casi di violenze domestiche".   

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento