Frana Camaldoli, strada chiusa anche dopo Natale: "Siamo isolati"

La preoccupazione dei residenti di via Comunale Guantai a Orsolone, dove la strada è crollata dopo le prime piogge autunnali. I commercianti: "Non stiamo lavorando, dopo il Covid un'altra mazzata"

Serviranno 80 giorni di lavoro, esclusi festivi, giorni di maltempo e imprevisti vari, per riaprire via Comunale Guantai a Orsolone, ai Camaldoli. La strada è franata il pomeriggio del 5 ottobre, intorno alle 18, a causa dell'azione combinata tra una perdita della condotta fognaria e le forti piogge che hanno portato giù fango e detriti dalla collina. 

Completare i lavori entro Natale sarebbe un miracolo, almeno da quanto trapela dopo la riunione che si è tenuta in Prefettura. E' più realistico pensare che per riaprire l'importante arteria bisognerà attendere il 2022, con buona pace di residenti e commercianti. Bibiana Trapanese ha visto il suo cortile invaso dal fango: "Potevamo morire, il crollo è avvenuto dove parcheggiamo le automobili. Abbiamo creduto al terremoto. Per due giorni non ho avuto l'acqua e ancora oggi il telefono e internet non sono disponibili". 

Il commercio è fermo dal giorno della frana: "Il pomeriggio possiamo anche chiudere - spiega Raffaele Varriale - Non entra nemmeno un cliente. Questa era una strada molto trafficata, ma adesso per un cittadino è difficile arrivare qui. Ci hanno detto che i lavori dureranno almeno fino a Natale, dopo il Covid è un'altra botta alle nostre attività". 

Residenti e commercianti sono preoccupati che i lavori si potraggano per mesi, lasciandoli isolati: "Già ieri non hanno fatto quasi nulla e qui, tra qualche giorno, arriverà il gelo". 

Video popolari

Frana Camaldoli, strada chiusa anche dopo Natale: "Siamo isolati"

NapoliToday è in caricamento