menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso Fortuna, incidente probatorio: le amichette confermano le accuse

Le amichette della bimba di sei anni hanno ribadito le accuse contro Raimondo Caputo

Le amichette di Fortuna sono state ascoltate nel corso dell'incidente probatorio tenutosi presso il Tribunale di Aversa e hanno confermato le accuse rivolte dalla Procura di Napoli Nord contro Raimondo Caputo, al quale i pm contestano di avere violentato e ucciso, il 24 giugno 2014, la bimba di sei anni.

TESTIMONI - Il gip del Tribunale Napoli Nord, Alessandro Buccino Grimaldi, ha ascoltato due bambine, figlie della compagna dell'indagato, considerate le testimoni chiave dell'inchiesta che vuole fare luce sulla terribile vicenda. La prima ha completato l'interrogatorio confermando le accuse a carico di Caputo, mentre la seconda siè irrigidita anche se ha comunque confermato le tesi dell'accusa.

I GENITORI DI FORTUNA – “Voglio giustizia per tutti i bambini che sono stati abusati e voglio che i colpevoli paghino per quello che hanno fatto", ha detto Pietro Loffredo, che già in passato si era auspicato che il sacrificio della figlia non risultasse inutile. La moglie, 28 anni, ha invece spiegato che il suo sospetto è che ci sia ancora molto altro da scoprire. "Per me le bambine che oggi verranno ascoltate nascondono ancora dei segreti", le sue parole.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento