rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021

Formiche in ospedale, un paziente: "Erano anche nella mia stanza". Scatta l'inchiesta

"Le formiche non erano solo nella stanza della signora straniera. Stamattina erano anche sul comodino del mio vicino di letto". Nelle ore dell'ennesimo scandalo che coinvolge la Sanità napoletana, si aggiungono altre testimonianza sulla presenza di formiche nel reparto di Medicina dell'Ospedale San Giovanni Bosco.

Il caso è esploso questa mattina, a seguito della pubblicazione di video da parte di una cittadina che ritraeva una donna straniera, ricoverata e intubata, ricoperta da insetti. Si tratta di una donna di 71 anni, dello Sri Lanka, in coma vigile in seguito a un ictus. La denuncia è stata raccolta dal consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, che ha subito contattato la direzione dell'Ospedale.

La stanza è stata bonificata, mentre la donna è stata spostata in un altro locale. Sul posto sono intervenuti anche la polizia, il Nucleo antisofisticazione dei Nas e gli ispettori dell'Asl. A quanto si apprende dalle testimonianze di alcuni degenti, le formiche potrebbero aver fatto la loro comparsa anche in altre stanze dell'ospedale.

"Come è possibile che accada questo? La colpa è da ricercare nelle ditte esterne che hanno vinto bandi discutibili per la pulizia e che noi stiamo cacciando fuori dalla Sanità". Ma oltre alla causa della presenza degli insetti, c'è da stabilire perché il personale medico infermieristico non è intervenuto: "Lo stabilirà l'inchiesta interna - prosegue Borrelli - ma se qualcuno ha sbagliato, la magistratura deve processare immediatamente". Intanto, è stato sollevato anche un caso umanitario. La 71enne dello Sri Lanka risulta residente in Italia, domiciliata da una famiglia dove prestava servizio prima dell'ictus. Non ha parenti, se non una famiglia che risiede a Pozzuoli, ma della quale al momento non si hanno tracce.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Formiche in ospedale, un paziente: "Erano anche nella mia stanza". Scatta l'inchiesta

NapoliToday è in caricamento