rotate-mobile
Cronaca

"Trovati i fondi per la Linea 1 della Metro di Napoli"

L'annuncio di Caldoro. Mentre si sta già lavorando per arrivare alla stazione ferroviaria di piazza Garibaldi, sarà possibile chiudere la tratta dal Centro direzionale fino a di Vittorio, collegando così anche l'aeroporto di Capodichino

Il completamento della Linea della metropolitana di Napoli è a un passo. ''Il traguardo è a 10 metri'', dice il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, il quale ha annunciato che a breve ci sarà la sigla di un Accordo di programma quadro tra il Governo, l'ente di Palazzo Santa Lucia e il Comune di Napoli.

''Nel 2010, avevamo trovato un'opera che rischiava di essere l'ennesima incompiuta - ha detto - Invece abbiamo trovato le coperture economiche a dispetto delle troppe incertezze del passato''. Un accordo per un totale di 650 milioni di euro a partire da 300 milioni stanziati dalla Regione Campania con una delibera del dicembre 2011 ''con la quale abbiamo deciso di salvare il progetto della metropolitana''. Ai 300 milioni di Fas della Regione, si aggiungono ''i 113 milioni del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, come annunciato da Maurizio Lupi prima dell'estate, i restanti 42 saranno erogati successivamente, e il mutuo che deve accendere il Comune di Napoli per 180 milioni di euro''. Così dopo la sigla dell'accordo, la deadline dovrebbe essere il prossimo 10 settembre quando si riunirà il Cipe, sarà possibile rendere esecutivo il progetto che chiude il cerchio: mentre si sta già lavorando per arrivare alla stazione ferroviaria di piazza Garibaldi, sarà possibile chiudere la tratta dal Centro direzionale fino a di Vittorio, collegando così, su ferro, anche l'aeroporto di Capodichino. Contemporaneamente, sarà sbloccata anche la parte dei lavori da Piscinola, attuale capolinea della metro, fino a Di Vittorio. '

'E questo lo facciamo in piena intesa con i soggetti coinvolti - ha sottolineato Caldoro - a partire da un prrgetto precedente a questa amministrazione comunale''. Soprattutto, tiene a precisare, da un ammontare complessivo di quasi un miliardo di euro per un'opera ''strategica per tutta l'area nord di Napoli'', attraverso ''un egregio lavoro da parte del Comune di Napoli e della struttura tecnica progettuale, si sono ridotti i costi, con vari accorgimenti, tratte più lineari, fino ad arrivare a 650 milioni di euro''.

''Abbiamo voluto correre un rischio investendo nel 2011 300 milioni di euro per la metropolitana, con un percorso avviato prima dell'attuale amministrazione - ha aggiunto Caldoro - Poi il Comune di Napoli avrebbe dovuto accendere un mutuo per circa 180 milioni cosa che, però, non ha potuto fare''. Ecco perché ''ci siamo assunti la responsabilità di riprogrammare i Por per sostituirci al Comune di Napoli, prevedendo le coperture e facendo slittare l'accensione del mutuo'' da parte di Palazzo San Giacomo. La decisione di salvare la metropolitana ha avuto il suo completamento con la delibera del 31 dicembre del 2011. ''I 300 miloini non erano sufficienti - ha affermato - ma erano comunque un inizio''. Caldoro fa sapere che ''ci sarebbero anche altri 100 milioni del Por per il materiale rotabile''. ''E' fondamentale chiudere l'anello - ha proseguito - perché è fondamentale non pensare solo a 4 quartieri di Napoli ma tutta l'area Nord''. ''Molte polemiche non stanno in piedi - ha concluso - Non c'è nulla di male a prendere come modello ciò che aveva in testa Cascetta (assessore ai trasporti della Giunta Bassolino ndr) che ha dato un impulso straordinario, ma quel progetto è anche precedente. Il problema è che era ingestibile perché quella era una idea infrastrutturale''. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Trovati i fondi per la Linea 1 della Metro di Napoli"

NapoliToday è in caricamento