menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giuseppina Tommasielli

Giuseppina Tommasielli

Fiorinda, pochi fondi per la casa contro la violenza sulle donne

La struttura ha accolto 10 ospiti in sei mesi. Assessore Tommasielli: "Risorse disponibili solo per altre 30 settimane. Mi auguro che queste idee e questi progetti siano corroborati dai fondi"

 La Casa d'accoglienza Fiorinda di Napoli, impegnata a dare accoglienza alle vittime di violenza familiare, ha comunicato nel corso di una conferenza stampa, in cui è stato presentato il risultato del suo quotidiano lavoro, che solo nello scorso anno bel 127 donne hanno perso la vita a seguito di violenza domestica e uccisioni per mano del partner. Un dato certamente raccapricciante e che mette in evidenza la necessità di sostenere le strutture dedicate ad accogliere e proteggere chi subisce violenza familiare.

La casa d’accoglienza Florinda, come viene comunicato in conferenza, nei primi sei mesi di attività ha offerto aiuto, ascolto, protezione ed ospitalità a dieci ospiti ed in alcuni casi anche ai figli non ancora maggiorenni. Tutte le donne accolte, spiega il personale della struttura, beneficiano di programmi individuali, inoltre si è sottolineato che la maggior parte di queste donne non aveva mai denunciato prima le violenze subite.

In una nota si legge quanto dichiarato dall’assessore Giuseppina Tommasielli: "Il fenomeno della violenza contro le donne è un tema di particolare delicatezza e gravità e non accenna a diminuire. Coinvolge donne di ogni estrazione sociale, di ogni livello culturale, provocando danni fisici e gravi conseguenze sulla salute che comportano anche alti costi socio-economici. Vi è quindi la necessità - ha continuato l’assessore - di luoghi concreti a sostegno di chi vive situazioni di violenza, modelli specializzati nella pratica di aiuto alle donne, nei quali lavorano in rete operatori dei servizi sociali, sanitari, scolastici, delle forze dell'ordine a supporto alle donne e dei loro bambini". "Le risorse disponibili – ha precisato Tommasielli - consentono l'apertura di questa struttura solo per altre 30 settimane. Mi auguro che queste idee e questi progetti siano corroborati dai fondi, indispensabili perché queste esperienze significative non siano disperse per mancanza di cooperazione su obiettivi, francamente, indispensabili".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento