Sacchi di rifiuti con i volti dei ministri: flash mob al Castel dell'Ovo (VIDEO)

I movimenti green protestano contro il G20 sull'ambiente che si terrà a Napoli il 22 e 23 luglio: "Di cosa parleranno nella regione con il più alto tasso di tumori?"

Venti sacchetti di immondizia sono comparsi dinanzi al Castel dell'Ovo. Ognuno di essi riportava il volto dei ministri dell'Ambiente che il 22 e 23 luglio prossimi parteciperanno al G20 di settore. A inscenare il flash mob sono stati i movimenti green della Rete Bees against G20, i quali hanno annunciato cortei di protesta, oltre a un contro-forum che si terrà nei locali dell'Università Federico II. 

"E' paradossale che i ministri si riuniscano nella città e nella Regione dove i disastri ambientali causano il maggior numero di morti e tumori - afferma Davide Dioguardi, portavoce della Rete - Rappresentano gli stessi Governi che continuano a investire nel fossile e che, come nel caso dell'Italia, approvano trivellazioni a largo delle nostre coste. Siamo stanchi di questa ipocrisia. Un altro mondo non è solo possibile, ma anche necessario". 

LA rete è composta da diversi movimenti, come Stop Biocidio e Fridays for future Napoli. Non mancheranno gruppi di attivisti legati a singole vertenze, come l'Osservatorio popolare per la bonifica di Bagnoli: "Veniamo da un quartiere preso in giro per 20 anni - spiega Adriana Manzoni - la cui gestione ha visto condanne per truffa. Parteciperemo alle proteste per chiedere non solo una vera bonifica per Bagnoli, ma anche il coinvolgimento dei cittadini nella riqualificazione del territorio". 

Le maniestazioni contro il G20 potranno contare anche su una colonna sonora d'eccezione. Infatti, la cantante Fabiana Martone ha composto un brano ad hoc coinvolgendo diversi artisti e in questi giorni sarà al seguito della Rete per girare il videoclip. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

Sacchi di rifiuti con i volti dei ministri: flash mob al Castel dell'Ovo (VIDEO)

NapoliToday è in caricamento