menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fincantieri, la protesta in diretta. Tutti gli aggiornamenti

Ieri paralisi totale del traffico sulla Statale Sorrentina. Devastato il municipio di Castellammare. Il religioso ai politici: "La città rischia un declino inesorabile". L'amministratore Bono: "Serve un piano duro ma coraggioso"

Tensione alta dopo la presentazione del piano industriale di Fincantieri che prevede la chiusura dello stabilimento di Castellammare di Stabia. Ecco tutti gli aggiornamenti.

MERCOLEDI 25 MAGGIO

ORE 19,31:
Il prefetto di Napoli rivolge un forte invito ai lavoratori della Fincantieri ad isolare eventuali frange di facinorosi e a prendere le distanze da ogni manifestazione di violenza. "Lasciare spazio a simili comportamenti - ha detto il prefetto Andrea De Martino a margine del comitato per l'ordine e la sicurezza - non può che pregiudicare anche le ragioni stesse della protesta".

ORE 15,23: "Il sindaco Bobbio non può ridurre il dramma di Castellammare a una questione di ordine pubblico". Lo afferma, in una nota, Antonio Marciano, coordinatore della segreteria del PD Campania e consigliere regionale. "Gli operai non cadano nella trappola, non lascino che la protesta degeneri, e tolgano così al Sindaco l'alibi per parlare di violenza invece che delle soluzioni possibili per salvare l'azienda. Da un primo cittadino ci si aspetterebbe atti di Governo e gesti di responsabilità di fronte alla drammatica situazione di precarietà che i lavoratori di Fincantieri, le loro famiglie e un'intera città stanno vivendo, non una mera denuncia degli atti teppistici che stanno macchiando la protesta legittima degli operai". "Bobbio si chieda piuttosto se tutto questo non era evitabile. Se, cioè, il Governo regionale e quello nazionale hanno fatto davvero tutto quanto necessario per evitare la chiusura della Fincantieri di Castellammare - conclude Marciano - Non c'è più tempo da perdere: Bobbio, Caldoro e i ministri romani si adoperino per recuperare il tempo perso finora e per convincere Bono a ritirare il piano presentato e a discutere nel merito del rilancio dello stabilimento campano".

ORE 13,44: "La situazione a Castellammare di Stabia sta diventando insostenibile - dice il sindaco Bobbio - da questa mattina sono in atto azioni sovversive in città. La protesta degli operai deve assolutamente rientrare e restare nei limiti della legalità. Chiedo al prefetto di concentrare ora, subito, a Castellammare di Stabia tutte le forze necessarie a recuperare il controllo della piazza e a ripristinare la legalità. Se necessario
coinvolgere l'Esercito".


ORE 11,00: Occupata la stazione della Circumvesuviana. Blocco del traffico su viale Europa, in pieno centro cittadino. Serrande abbassate a Castellammare, paura tra i cittadini.

MARTEDI 24 MAGGIO

ORE 21,00
: Come per l'eruzione del Vesuvio del 1631, il padre superiore del Convento di Pozzano Bartolomeo Rosa chiese l'intervento della Madonna per fermare la lava, anche l'arcivescovo di Sorrento-Castellammare di Stabia, monsignor Felice Cece, aprirà le porte del Duomo per invocare la Madonna ma, questa volta, per proteggere la città dalla vertenza Fincantieri.

ORE 20,25: Il sindaco di Castellammare di Stabia Luigi Bobbio, torna sugli episodi di devastazione e saccheggio della sede del Comune, che, ribadisce "sono opera della camorra".

ORE 20,05: Il overnatore della campania Stefano Caldoro: "Dobbiamo condannare qualsiasi forma di violenza, anche di fronte a situazioni di difficoltà per i lavoratori".

ORE 19,42: L'amministratore delegato di Fincantieri Giuseppe Bono: "La situazione del mercato è tale che solo un piano duro ma coraggioso può assicurare un un futuro alla nostra impresa e confermarle la leadership che da anni le viene riconosciuta".

ORE 15,13: È stata nuovamente chiusa al traffico, in entrambe le direzioni, la strada statale 145 Sorrentina. Dopo aver liberato l'arteria stradale per circa un'ora, gli operai di Fincantieri sono ritornati, al chilometro 12, in località Pozzano, bloccando il traffico tra i comuni di Castellammare di Stabia e Vico Equense, per la seconda volta.

ORE 15,00: Le reazioni all'annunciata chiusura di Fincantieri a Castellammare. Luciano Schifone, Presidente del Tavolo Regionale del Partenariato Economico e Sociale della Campania: "Significherebbe infliggere alla Campania ed, indirettamente, all'intero Mezzogiorno, un colpo durissimo, poiché i posti di lavoro perduti, rappresenterebbero l'ennesima condanna dell'economia della già martoriata area torrese-stabiese e meridionale". Per il vice presidente vicario del Parlamento europeo Gianni Pittella, l'europarlamentare del Pd Sergio Cofferati e il vice capodelegazione democratico Andrea Cozzolino "il punto di partenza deve essere necessariamente la sospensione immediata degli effetti del piano presentato dall'azienda.

ORE 14,50: È stata riaperta al traffico, in entrambe le direzioni, la statale 145 "Sorrentina" tra Castellammare e Vico Equense.

ORE 14,38: Scenario di devastazione al Municipio di Castellammare: i simboli dell'Unità d'Italia, come i busti in marmo di Garibaldi e Vittorio Emanuele, custoditi a Palazzo Farnese sono finiti in pezzi. Si sono salvati solo il Crocifisso e il quadro del Presidente Napolitano.

ORE 14,00: Previsto per le 16 un incontro in Regione. A riferirlo è Sgambati della Uilm: una delegazione di rsu della Fincantieri, insieme con Bobbio e i rappresentanti delle segreterie sindacali, sarà ricevuta a Palazzo Santa Lucia dal governatore Stefano Caldoro.

ORE 12,00: "Il Presidente Napolitano intervenga per difendere lo stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia". È quanto chiede il dirigente nazionale di Forza del Sud, Salvatore Ronghi, che sottolinea: «l'Unità di Italia si celebra anche difendendo l'art. 1 della Costituzione e i posti di lavoro soprattutto in quelle realtà territoriali dove la desertificazione industriale, la povertà e la disoccupazione favoriscono l'illegalità e la camorra».

ORE 11,30: Il blocco della Statale sorrentina sta provocando la paralisi totale del traffico nei comuni circostanti.

ORE 11,09: Luigi Bobbio, sindaco di Castellammare, chiede "le immediate dimissioni dell'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, o, in alternativa, chiedo al Governo di 'espellerlo' dal posto che ha dimostrato ieri, definitivamente, di non saper ricoprire".

ORE 10,44: Risulta essere bloccato in entrambe le direzioni il traffico sulla strada statale 145 Sorrentina, a causa della manifestazione organizzata da operai Fincantieri, al chilometro 12, in località Pozzano, tra i comuni di Castellammare di Stabia e Vico Equense.

ORE 9,48: Un presidio di circa un centinaio di operai è in corso all'interno dello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia. Un'altra decina di lavoratori si trova invece all'interno del Municipio.

ORE 8,00: Un centinaio di lavoratori dello stabilimento Fincantieri di Castellammare di Stabia e di lavoratori dell'indotto hanno trascorso la notte nel Municipio della città che è occupato dalla tarda serata di ieri dalle maestranze dopo che, in un incontro avvenuto a Roma nella sede di Confindustria, era stata diffusa la notizia che l'impianto stabiese è destinato alla chiusura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento