menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, file per i tamponi: il Codacons presenta un esposto in Procura

Si chiede “di accertare se possa essersi registrata, in concomitanza con l’impennata di casi Covid e con la corsa al tampone, una palese inefficienza a 360 gradi della P.A. comprese le responsabilità delle Regioni coinvolte"

Sul caos tamponi che si sta registrando in Italia incombe un esposto del Codacons che sarà presentato oggi alle Procure della Repubblica di Roma e Napoli, città dove - secondo Codacons - si registrano i più gravi problemi e disservizi a danno dei cittadini. L'impennata dei casi Covid non solo sta mettendo in allarme l’intera popolazione ma fa registrare un nuovo allarme con una vera e propria caccia al tampone da parte dei cittadini, iniziata in concomitanza con la ripresa a pieno ritmo di attività produttive e dell’anno scolastico – spiega il Codacons nell’esposto -

Da nord a sud Italia il sistema appare in grave sofferenza: ore in coda ai drive-in con stress e tempo perso; attese fino a 6 giorni per avere il risultato dei test con conseguente obbligo per i sottoposti al tampone di restare chiusi in isolamento; centralini telefonici in tilt; regole che cambiano con frequenza; informazioni non sempre chiare su dove andare e cosa fare.

A fronte di tale situazione inaccettabile che rappresenta un danno se non addirittura una forma di tortura per i cittadini, con pericoli sul fronte dell’ordine pubblico e su quello igienico (si pensi all’utilizzo del bagni pubblici in prossimità dei drive-in) il Codacons presenta oggi un esposto alle Procure di Roma e Napoli in cui si chiede “di accertare se possa essersi registrata, in concomitanza con l’impennata di casi Covid e con la corsa al tampone, una palese inefficienza a 360 gradi della P.A. comprese le responsabilità delle Regioni coinvolte, per non essere state in grado di organizzare in modo efficiente l’intero sistema  in modo tale da garantire nel rispetto dell’Ordine pubblico e del rispetto delle regole anti-assembramento,  l’espletamento delle procedure e soprattutto per non avere approntato e validato i tamponi rapidi o garantendo il risultato entro le 24 ore invece di 5-6 giorni attuali”.

Il Codacons invita infine i cittadini a segnalare all’associazione problemi, ritardi e criticità nella procedura per sottoporsi ai tamponi,

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Attualità

Mina Settembre, è ancora un trionfo di ascolti per la serie "napoletana"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Liceo Vico occupato: è il secondo istituto a Napoli

  • Cronaca

    Due bimbi positivi all'Orazio di Posillipo: madri in agitazione

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento