menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carla Caiazzo

Carla Caiazzo

Carla, data alle fiamme dal compagno: a Pozzuoli “fiaccolata silenziosa”

L'iniziativa, nata spontaneamente sul web e accolta dall'amministrazione della cittadina flegrea, partirà da piazza a Mare alle 21

Il Comune di Pozzuoli ha indetto una simbolica “fiaccolata silenziosa” in segno di solidarietà verso Carla Ilaria Caiazzo, la donna incinta data ieri alle fiamme dal compagno che ora – dopo essere riuscita a partorire – lotta tra la vita e la morte al Cardarelli di Napoli.

L'amministrazione comunale puteolana condivide l'iniziativa, che spiega essere “nata spontaneamente sul web”.

La fiaccolata partirà alle ore 21 da piazza a Mare, e proseguirà per il canalone terminando poi nella piazza storica della cittadina flegrea. Basterà “munirsi di candela e che la luce della stessa sia l'unione dei nostri cuori – è scritto nel messaggio diffuso sui social – in preghiera di chi è vittima della mancanza di rispetto alla vita altrui e alla vita in se stessa”.

“La fiaccolata sarà momento di riflessione e condivisione – spiega ancora il comune puteoano – alla quale sono invitate a partecipare le persone che vogliono dire basta a questi atti di violenza assurda”.

Sul web si stanno intanto diffondendo hashtag di solidarietà per la donna, come #Carlaresisti e #resistiCarla, utili a diffondere pensieri di vicinanza alla vittima dell'aggressione e contro la violenza di genere.

“Carla è una giovane donna che sta lottando per vivere dopo che il marito le ha dato fuoco – scrive ad esempio l'associazione Frida Kahlo Pari Opportunità di Marano, che prenderà parte alla fiaccolata – Carla vuole crescere sua figlia ed insegnarle ad essere una donna che non ha paura, Carla deve farcela in nome di tutte le donne vittime di violenza. Pubblica sul tuo profilo ?#‎CarlaResisti?. Scrivendo accanto una tua riflessione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento