menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo il pranzo di Pasqua festa in barba alle norme anti-contagio: la denuncia

Un gruppo di persone a Pozzuoli avrebbe secondo il consigliere dei Verdi Borrelli "sfidato lo Stato", con una festa data in diretta social con tanto di tag ad un quotidiano locale

"Una sfida allo Stato e a chi sta facendo enormi sacrifici per arginare il Coronavirus". Così il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli definisce quanto avvenuto a Monterusciello, in una palazzina popolare dei "600 alloggi" in via De Chirico.

Numerose persone, dopo il pranzo di Pasqua di oggi, avrebbero "ballato e cantato come se nulla fosse, ammassati tra le scale", in uno "spettacolo trash condotto da due pregiudicati della zona che hanno cantato davanti ad adulti e bambini quasi tutti senza mascherine e senza misure di protezione individuale". 

I protagonisti hanno lanciato il video in diretta social, taggando anche il quotidiano locale Cronaca Flegrea che ha diffuso poi la notizia ripresa dal consigliere.

"Dopo la vergogna dalla festa nel 'Rione Marocchini' di via Napoli che portò a multe e sanzioni per quattro persone - dichiara ancora Borrelli - gli incivili e i delinquenti non si fermano e anzi postando le loro gesta a un sito di informazione di fatto hanno sfidato le autorità e l'opinione pubblica. Loro si sentono più forti della legge e delle regole, se ne fregano del pericolo di contagi. Questa emergenza ci sta mostrando il volto più feroce e pericoloso della criminalità. Da una parte la camorra che sta cercando di creare consenso sociale pagando le spese a famiglie in difficoltà, obbligando alcuni supermercati a fornirgli materiale gratis, una sorta di pizzo sulla solidarietà, dall'altra pregiudicati e famiglie di carcerati che non rispettano le regole correndo il rischio di far esplodere la pandemia proprio mentre l'ospedale di Pozzuoli è in grande difficoltà".

Il commento del sindaco di Pozzuoli

Sulla vicenda è intervenuto anche il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia che ha affidato ai social network la seguente nota: "C'è gente che non riesce a capire l'emergenza, come quelli che appaiono nel video pubblicato da Cronaca Flegrea. Gente che non riesce a capire che riunirsi in gruppo è rischiosissimo. C'è gente che mette sotto ai piedi i sacrifici della stragrande maggioranza della popolazione. Siamo chiusi in casa da 33 giorni. E non ancora si sa quando le misure saranno realmente allentate. C'è gente che, nonostante intorno a noi continuino ad aumentare i contagiati e si faccia di tutto per non lasciare nessuno da solo, si sente imbattibile quasi in aria di sfida. A questa gente dico che le forze dell'ordine presto vi faranno visita. Per il resto dovreste solo vergognarvi!".

Canti e balli in strada in barba alle norme anti-contagio: il primo episodio a Pozzuoli

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Commissario Ricciardi ritornerà: la seconda stagione non è un'utopia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Festival di Sanremo, chi è Greta Zuccoli

  • Media

    Un Posto al Sole, le anticipazioni delle puntate dall'8 al 12 marzo

  • Media

    "Live - Non è la D'Urso" chiude, nuovo programma per la conduttrice

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento