menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza del Plebiscito festeggia la Repubblica italiana

Anche Napoli, nella sua centrale piazza del Plebiscito, ha festeggiato i 64 anni della Repubblica italiana. Alla parata hanno partecipato le massime autorità civili e militari

Anche Napoli, nella sua centrale piazza del Plebiscito, ha festeggiato i 64 anni della Repubblica italiana. Alla parata hanno partecipato le massime autorità civili e militari. Quest'anno le celebrazioni sono state nel segno della condivisione e dell'apertura al territorio ed hanno coinvolto il mondo scolastico e i giovani.

In piazza si è svolta la tradizionale sfilata delle forze armate e di polizia, a cui è seguita la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica da parte del Prefetto Pansa, dopo la tradizionale cerimonia dell'alzabandiera. "Il significato della ricorrenza del 2 giugno, simbolo dell'unità del paese attorno ai valori condivisi di democrazia e solidarietà, fulcro della nostra Costituzione, viene esaltato - ha commentato il prefetto di Napoli Alessandro Pansa - dalla sobrietà e dal rigore della cerimonia".

Dopo la lettura del discorso del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, il governatore della Campania, Caldoro ha così commentato: "Come ogni anno la festa della Repubblica rappresenta un importante momento di riflessione - ha dichiarato il presidente della Regione in piazza del Plebiscito- I valori e le conquiste dell' Italia repubblicana -ha aggiunto - consentono oggi al nostro Paese di lavorare in sintonia con le istituzioni europee ed internazionali e di rispondere alla sfide cui ogni giorno siamo chiamati. Significativo e totalmente condivisibile l'appello che è arrivato oggi dal Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, in direzione della razionalizzazione delle risorse per puntare ad una migliore qualità della spesa e per il raggiungimento di una piena coesione sociale, particolarmente in un momento di crisi economica. Anche il richiamo - ha concluso - alla sobrietà ed alla piena intesa istituzionale è un appello da seguire"

LA FESTA NAPOLETANA DEL 2 GIUGNO: Alle 10,30, al Mausoleo di Posillipo, le autorità civili e militari cittadine hanno deposto una corona di fiori in onore dei caduti; alle 11 in piazza del Plebiscito c'è stata la cerimonia dell'Alzabandiera ed è stata data lettura del messaggio del Presidente della Repubblica; subito dopo al Palazzo del Governo il prefetto Pansa ha salutato le autorità e insieme hanno assistito ad un concerto per viola a cura del maestro Marco Traverso accompagnato dall'Instrumental Ensamble Italiano, seguito dal recital di Mariano Rigillo con brani tratti da "La Spigolatrice di Sapri","Napoli Milionaria"e un passo del "Discorso sulla Costituzione" di Pietro Calamandrei; a conclusione si è esibito il Coro Discantus, diretto dal maestro Luigi Grima, eseguirà l'inno nazionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Monte di Pietà in vendita, i cittadini: "No a ristoranti e matrimoni trash"

  • Cronaca

    “Chi ha ucciso Maurizio ha dato una coltellata all'intera città”

  • Cronaca

    “Cinque ore di attesa per essere vaccinati”: la denuncia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento