menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri

Carabinieri

Estorsioni nel napoletano, fermati 4 affiliati del gruppo '167'

Pizzo imposto anche i venditori su strada di sigarette di contrabbando: dovevano pagare 50 euro al mese per poter vendere le "bionde". I fermati sono stati portati nel carcere di Secondigliano

I carabinieri di Arzano hanno eseguito un decreto di fermo emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli a carico di 4 persone già note alle forze dell'ordine e ritenute appartenenti al gruppo criminale della "167", attivo nella cittadina della zona nord della provincia di Napoli, in collegamento con il clan camorristico degli Amato-Pagano.

Nel corso delle indagini coordinate dalla Dda i militari dell'Arma hanno documentato l'attività estorsiva del gruppo criminale effettuata con modalità tipicamente mafiose ai danni di commercianti e di un imprenditore, accertando che avevano preso di mira anche i venditori su strada di sigarette di contrabbando, che "dovevano" pagare 50 euro al mese per poter vendere le "bionde".

I fermati sono stati portati nel carcere di Secondigliano. Il gip intervenuto dopo il provvedimento precautelare della Dda ha disposto la custodia in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento