rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024

Ragazzo ferito a scuola, la preside: "Preoccupati per conseguenze psicologiche" |VIDEO

Valeria Pirone è la dirigente dell'Istituto Marie Curie di Ponticelli, dove si è verificata l'aggressione ai danni dello studente: "Nessuna rissa, c'è chi ha agito e chi ha subito. La scuola è subito intervenuta"

Pochi giorni di prognosi e tornerà a scuola il giovane di 15 anni ferito con un oggetto tagliente da un coetaneo nell'Istituto tecnico industriale Marie Curie di Ponticelli, periferia est di Napoli. Ciò che preoccupa maggiormente non sono le conseguenze fisiche dell'aggressione, bensì l'aspetto psicologico. "Sta abbastanza bene e si riprenderà presto - spiega Valeria Pirone, da poche settimane alla guida della scuola - Non possiamo sottovalutare il trauma che può subire un minore per episodi del genere. Io genitori sono preoccupati, ma mi sento di dire che la scuola c'è, c'è stata dal primo istante e continuerà a esserci". 

L'aggressione sarebbe avvenuta con un pezzo di ferro tagliente. Le motivazioni sono ancora oscure, ma potrebbero essere legate a dinamiche di bullismo. A differenza di quanto emerso dopo le prime ore, non si è trattato di una rissa, come conferma la dirigente: "Nessuna lite, c'è stata una persona che ha agito e una che ha subito. L'aggressore si è palesato ed è cominciato un iter disciplinare. Ho parlato con entrambe le famiglie, famiglie per bene, che saranno coinvolte in questo percorso. Viviamo un periodo particolare, i giovani sono attraversati da un malessere profondo che porta a episodi come questo. Noi dobbiamo intervenire in maniera punitiva, ma soprattutto dobbiamo fare in modo che non si verifichino più". 

A tal proposito, già da oggi, la preside Valeria Pirone incontrerà gli studenti in aula magna, a gruppi, per discutere di quanto accaduto e di eventuali casi di aggressione o bullismo all'interno delle mura scolastiche. 

Video popolari

NapoliToday è in caricamento