Cronaca

Capodanno 2020, il bilancio dei feriti a Napoli e provincia

Il bollettino dei feriti in città e nei comuni limitrofi durante i festeggiamenti per l'arrivo del nuovo anno

Come ogni anno, anche il 2020 si è aperto a Napoli ed in provincia con il ferimento di alcune persone durante i festeggiamenti.

Una persona è stata trasportata al San Giovanni Bosco, una al Cardarelli ed un'altra a Villa Betania.

Due, invece, i feriti portati all'ospedale San Paolo, uno dei quali è stato colpito alla palpebra da un frammento di sasso fatto esplodere da un petardo, con una prognosi di due giorni.

Sempre a Fuorigrotta due persone sono state colpite alla schiena da un razzo, riportando lievissime escoriazioni. Un'altra persona, invece, è rimasta ferita ad una gamba per lo scoppio ravvicinato di un petardo, con due giorni di prognosi.

Nessuno dei feriti è in gravi condizioni.

Il 2019 si era chiuso con il ferimento di una donna, colpita da un petardo in serata nel centro di Napoli, in Corso Umberto, e trasportata al Loreto Mare.

All'ospedale di Pozzuoli sono giunti con ferite per esplosione fuochi un 65enne, che ha subito una lieve lacerazione alla mano sinistra presso la propria abitazione di Giugliano in Campania con prognosi di 10 giorni, ed un 67enne che ha subito un'escoriazione al viso presso la propria abitazione di Bacoli, con prognosi di 7 giorni.

Sempre a Pozzuoli un 24enne ha riportato un'escoriazione per petardo esploso prima del lancio, guaribile in 7 giorni. Stessa prognosi per una 43enne di Giugliano stessa prognosi, colpita sul dorso della mano destra da un petardo. 

Ad Ercolano, invece, alcune piante di un giardino hanno preso fuoco a causa di un petardo, ma non si registrano feriti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Capodanno 2020, il bilancio dei feriti a Napoli e provincia

NapoliToday è in caricamento