Cronaca

Evoluzione nel parto: l’eterologa e la condivisione dei ruoli

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

Mercoledi 14 gennaio, alle ore 17.00, nella sala Convegni G. Zannini della Clinica Mediterranea, nell'ambito dell'iniziativa Mondo Donna si parlerà di fecondazione eterologa e della relativa condivisione dei ruoli, ossia di fecondazione assistita in cui il seme maschile o l'ovulo utilizzati non appartengono ad uno dei genitori, ma ad un donatore esterno alla coppia.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità circa il 18% delle coppie in età fertile è affetto da infertilità. Al giorno d'oggi l'infertilità rappresenta un problema sociale oltre che medico ed è da considerarsi, certamente, quale malattia a tutti gli effetti. Per infertilità si intende la mancanza di concepimento dopo 12 mesi di rapporti regolari non protetti. Le cause di sterilità, attualmente, si possono dividere in femminili (35%), maschili (30%), di coppia (20%) e inspiegate (15%).

Dopo la sentenza della Corte Costituzionale dello scorso aprile che ha dichiarato l'illegittimità del divieto di fecondazione eterologa della Legge 40/2004 finalmente anche in Italia le coppie che hanno problemi di fertilità possono avvalersi di tecniche di PMA (Procreazione Medicalmente Assistita) eterologa.

"A 8 mesi dalla sentenza della Corte Costituzionale quale è la situazione in Italia? Quali sono le problematiche legate al tema? Pur avendo le Regioni ed i centri pubblici mostrato molto interesse per questa prestazione medica mancano, a tutt'oggi, le regole che possono favorire un corretto rapporto tra i centri PMA italiani (pubblici e privati), le donatrici/i donatori ed anche le banche di gameti estere". Si parlerà di queste difficoltà con il dott. Andrea Borini, Presidente della Società Italiana di Sterilità e Fertilità (Sifes).

Durante l'incontro di MONDO DONNA, l'iniziativa promossa dalla Clinica Mediterranea di Napoli e dedicata ai grandi temi dell'universo femminile, moderato dall'Editorialista del Corriere della Sera Marco Demarco, la fecondazione eterologa e tutte le problematiche psicologiche e mediche che tale procedura comporta saranno al centro degli interventi specialistici di Andrea Borini/Presidente della Società Italiana di Sterilità e Fertilità (Sifes); Antonella Bozzaotra/Presidente Ordine degli Psicologi della Campania; Fulvio Cappiello/Responsabile CPMA Clinica Mediterranea S.p.A.; Francesco Fiorentino/Biologo molecolare Direttore del Laboratorio "GENOMA"; Ciro Guarino/Responsabile U.O. Ostetricia&Ginecologia Clinica Mediterranea S.p.A.;Simona Marino/Delegata Pari Opportunità del Comune di Napoli; Maria Vicario/Ostetrica Dirigente presso la Seconda Università degli Studi di Napoli

MONDO DONNA promossa dalla Clinica Mediterranea è patrocinata da Regione Campania, Comune di Napoli, ASL NA 1 Centro, Unione degli Industriali di Napoli, Camera di Commercio di Napoli, Consigliera di Parità della Provincia di Napoli, IPASVI di Napoli e dall'Osservatorio Italiano di Vittimologia; si avvale inoltre di un Comitato Tecnico Operativo, coordinato dalla Professoressa Alida Labella, composto da un ampio ventaglio di Associazioni non lucrative, operanti sul territorio e parte integrante del progetto Mondo Donna. L'iniziativa nasce nel 2012 da un'idea di Celeste Condorelli, Amministratore Delegato della Clinica Mediterranea S.p.a., come naturale conseguenza dell'inaugurazione del "Nido per tre" (la prima sala parto familiare del centro sud Italia con una vasca per partorire in acqua e un letto speciale per condividere, padre e madre insieme, il momento del parto e le prime ore di vita del neonato) e con l'obiettivo di comprendere fenomeni sociali e culturali del mondo contemporaneo e informare le donne favorendo scelte consapevoli per la gestione di piccoli e grandi problemi di tutti i giorni. Gli incontri sono ad ingresso libero e aperti a tutti; si terranno nella Sala Convegni G. Zannini della Clinica Mediterranea, in via Orazio 2, alle ore 17.00. Info 081 7259111; E-mail: mondodonna@clinicamediterranea.it

UFFICIO STAMPA

Dipuntostudio

Via Crispi 116/118,

Tel/Fax: 081 681505

www.dipuntostudio.it

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Evoluzione nel parto: l’eterologa e la condivisione dei ruoli

NapoliToday è in caricamento