Evasione fiscale e lavoratori “a nero”: maxi-sequestro per un'attività di Torre del Greco

Messi sotto chiave quote di diversi appartamenti in città e a Roccaraso

I militari del gruppo della Guardia di Finanza di Torre Annunziata hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo finalizzato alla confisca per un valore complessivo di 378mila euro, disposto dal Gip del Tribunale di Torre Annunziata nei confronti degli amministratori di una società di Torre del Greco operante nel settore della ristorazione e delle attività turistico-ricettive, resisi responsabili del reato fiscale di omessa dichiarazione dei redditi e, quindi, dell'indebito conseguimento di profitti illeciti derivanti dal mancato versamento delle imposte dovute all'erario.

Il provvedimento cautelare reale arriva alla fine di una più ampia indagine sviluppata - sotto il coordinamento della procura oplontina - dalla compagnia della Guardia di Finanza di Torre del Greco, che ha preso le mosse da una verifica fiscale eseguita nel 2018 dalla quale è emerso che l'impresa corallina, a partire dal 2012, aveva totalmente occultato al fisco una base imponibile di quasi due milioni di curo, ricorrendo, tra l'altro, anche all'assunzione di 12 lavoratori dipendenti completamente "in nero".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attività investigativa ha consentito di ricostruire un significativo quadro indiziario sulla base del quale è stato accertato che, a fronte della presenza di un formale amministratore, al quale era stata conferita la rappresentanza legale della società, le redini della gestione aziendale erano di fatto nelle mani di uno dei soci dell'impresa. Sulla scorta del provvedimento di sequestro eseguito, sono stati sottoposti a vincolo cautelare, oltre alle somme di denaro rinvenute sui conti correnti degli indagati, anche quote societarie, autovetture e immobili (tra i quali un appartamento sito a Roccaraso e quote di proprietà di sette appartamenti ubicati a Torre del Greco), per un valore complessivo di curo 378 mila euro pari alle imposte illecitamente sottratte all'Amministrazione Finanziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doccia fredda Tocilizumab, Ascierto: "Nessun risultato statisticamente significativo"

  • Temporali d'agosto in arrivo a Napoli: temperature giù di 10 gradi

  • Fabio Fulco convola a nozze: l’attore di Un Posto al Sole sposerà Veronica

  • Mascherine all'aperto obbligatorie nel napoletano: scatta l'ordinanza

  • Il Coronavirus torna a far paura, due morti: il più giovane aveva 45 anni

  • Ritrovata dopo 24 ore di ricerche, Claudia è in coma farmacologico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento