Tentano estorsione a imprenditore antiracket: in manette due uomini vicini al clan Mallardo

Il titolare della ditta di Giugliano si è subito rivolto ai carabinieri

I carabinieri della compagnia di Giugliano hanno eseguito un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione distrettuale antimafia, a carico di Marco Ruggiero, 42enne di Giugliano e Giulio De Maria, 45enne di Quarto Flegreo, gravemente indiziati di tentata estorsione aggravata dal metodo e dalle finalità mafiose. I due uomini, considerati dagli investigatori contigui al clan Mallardo, operante a Giugliano e nei comuni limitrofi, il 6 luglio scorso si sono presentati in un cantiere edile di una palazzina in ristrutturazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si sono rivolti al titolare dell'impresa e, dicendo di appartenere alla camorra locale, gli hanno intimato di “andare a pagare a Giugliano” prima di continuare i lavori. L’imprenditore, peraltro iscritto alla associazione antiracket di cui esponeva il cartello all’esterno del cantiere, si è subito rivolto ai carabinieri facendo avviare le indagini che hanno portato all’emissione del provvedimento restrittivo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Stop agli spostamenti interprovinciali (non giustificati), torna l'autocertificazione: la nuova ordinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento