Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Estate 2020, gabbie di plexiglas sulle spiagge. I balneari: "Una trovata pubblicitaria"

Il sindacato degli stabilimenti: "Idea di un'azienda per noi inaccettabile. Siamo ottimisti, ma esiste anche il rischio di saltare la bella stagione"

 

Da ore rimbalzano sulla rete rendering che mostrano le spiagge italiane attrezzate con 'gabbie' di plexiglas per permettere ai bagnanti di mantenere le distanze di sicurezza per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. Non si tratta di uno scenario attuabile, bensì solo della promozione di un'azienda, come spiega Salvatore Trinchillo, vicepresidente del Sindacato italiani balneari e titolare del Lido Varcadoro di Varcaturo: "Non è una proposta di cui abbiamo discusso. Per noi gestori di stabilimenti sarebbe una follia. Il plexiglas farebbe aumentare il caldo e in condizioni di vento diventerebbe pericoloso". 

Ma allora, quali sono gli scenari per l'estate 2020? "Esiste anche il rischio che questa stagione salti completamente - avverte Trinchillo - ma noi siamo ottimisti e se saremo nelle condizioni di offrire un servizio di qualità seguendo, allo stesso tempo, le disposizioni ministeriali, non ci tireremo indietro. Nelle prossime settimane avremo incontri con il Governo e con le Regioni per capire i margini in cui potremo muoverci". 

Aprile è un mese decisivo per capire il destino degli stabilimenti balneari. Il rischio del collasso del sistema è reale: "A Napoli e provincia abbiamo circa 350 imprese in cui lavorano decine di migliaia di lavoratori. Non esiste solo il tema Covid, ma anche quello delle concessioni, che scadono nel 2020. C'è sul tavolo l'ipotesi di una proroga di 15 anni, ma non tutti i Comuni sono allineati. Su un periodo di 15 anni possiamo anche pensare di perdere una stagione, ma senza questa certezza l'80 per cento delle aziende potrebbe chiudere, con ricadute disastrose". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento