Eruzione Vesuvio e Campi Flegrei: 50mila napoletani evacuati in Sardegna

Firmati oggi i protocolli di gemellaggio: gli abitanti di Pompei e del quartiere Posillipo sarebbero destinati in Sardegna in caso di eruzione

Il nuovo assessore regionale all'Ambiente della Sardegna, Gianni Lampis, ha affermato che, in caso di eruzione del Vesuvio, 50mila residenti napoletani dovrebbero essere trasferiti in Sardegna. L'assessore Lampis, arrivato a Napoli per la firma dei protocolli di gemellaggio dei comuni della zona rossa vesuviana, ha dichiarato che presto sarà attivato il tavolo tecnico in Protezione Civile per elaborare il piano di evacuazione per gli abitanti di Pompei e del quartiere Posillipo. 

Presente alla firma dei protocolli anche il Capo del dipartimento nazionale della Protezione Civile, Angelo Borrelli. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento