Cronaca

"Equitalia troppo aggressiva": l'addio di Castellammare di Stabia

Il sindaco Bobbio critica la gestione nei confronti dei contribuenti. "Non assicura una efficiente equità distributiva". Poi chiarisce: "Le tasse devono essere pagate da tutti"

Luigi Bobbio

Il Comune di Castellammare di Stabia ha deciso di "licenziare" Equitalia. Il sindaco Luigi Bobbio ha infatti annunciato che, dopo il passaggio in consiglio comunale per l'approvazione della proposta di 'esternalizzazione' del servizio di accertamento e riscossione dei tributi, sarà bandita una gara per affidare il compito a una nuova società che "abbia maggiore attenzione per la dignità dei cittadini".

"All'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale - dice Bobbio - presenteremo la proposta di esternalizzazione delle entrate comunali, il cui iter procedurale, avviato fin dal mio insediamento, si era già concluso nel novembre scorso per il consequenziale esame consiliare". I tempi per il passaggio a una nuova società di riscossione dei tributi del Comune non saranno immediati. Si calcola che, entro un mese, la delibera per la proposta di esternalizzazione sarà portata all'approvazione del consiglio comunale, subito dopo il bando di gara sarà affidato alla gestione della Stazione unica appaltante per il suo espletamento.


La decisione di sciogliere il rapporto con Equitalia, ha spiegato Bobbio, "è motivata dalla volontà di ricondurre in capo all'Ente la possibilità di definire modi e condizioni della leva tributaria e di mantenere il dominio gestionale delle vicende. Gestione che oggi, con Equitalia, ha assunto un profilo eccessivamente aggressivo nei confronti dei contribuenti e che non assicura una efficiente equità distributiva. Il tutto fermo restando che le tasse devono essere pagate da tutti. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Equitalia troppo aggressiva": l'addio di Castellammare di Stabia

NapoliToday è in caricamento