Emilio Fede condannato: "Chiederò la grazia. Vorrei i domiciliari a Napoli"

Così l'ex direttore del Tg4: "Sono psicologicamente frantumato. Spero di restare agli arresti a Napoli, dove la gente mi è vicina"

(Emilio Fede / foto De Cristofaro)

"Sono psicologicamente frantumato, valuto di chiedere la grazia al Capo dello Stato": così Emilio Fede rivela ad AdnKronos il suo stato d'animo dopo la condanna in Cassazione a 4 anni e 7 mesi di reclusione per favoreggiamento della prostituzione - nell'ambito delle serate nella villa di Silvio Berlusconi. "Chiederò all'autorità di vivere agli arresti domiciliari nella casa di mia moglie Diana, a Napoli. Sono molto legato a questa città, dove la gente mi manifesta vicinanza. Poi spero di ottenere l'affidamento ai servizi sociali: vorrei occuparmi di anziani o di ragazzi con difficioltà". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavatrice: gli errori che non sai di commettere, ma che paghi in bolletta

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Torna l'ora solare: lancette indietro di un'ora

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Giuseppe Vesi: "Non ci sono scuse per quello che ho fatto. Ora non esco di casa perchè ho paura"

  • Improvviso (e imprevisto) temporale su Napoli: tregua dall'afa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento