Emergenzia rifiuti: assolti in appello Bassolino e i vertici Impregilo

Confermata la sentenza di primo grado che assolveva l'ex governatore e gli altri 26 imputati

Viene confermata in appello la sentenza di assoluzione a favore di Antonio Bassolino e degli altri 26 imputati nel processo per la prima emergenza rifiuti a Napoli. La quarta sezione della Corte d'Appello di Napoli ha assolto l'ex governatore della Campania e commissario all'emergenza rifiuti dalle accuse che venivano mosse a lui e alle aziende coinvolte nella gestione dei rifiuti in quegli anni. La corte ha deciso di non accogliere il ricorso presentato dalla procura a cui, per alcune posizioni, si era opposta anche la stessa procura generale. Per le ipotesi di truffa, invece, era stata chiesta la condanna nonostante tutti i reati fossero già prescritti.

La sentenza 

I giudici napoletani hanno deciso di confermare la sentenza del 2013 della quinta sezione penale dello stesso tribunale. Insieme a Bassolino erano imputati a vario titolo diversi rappresentanti della Impregilo e di altre aziende coinvolte nella prima emergenza rifiuti. Secondo i magistrati non vi furono responsabilità penali degli imputati chiudendo il secondo capitolo di una vicenda giudiziaria che difficilmente arriverà in Cassazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dimagrire velocemente: la dieta Kempner per perdere fino a 20 chili in un mese

  • Il rider rapinato è ancora senza lavoro: rifiutate due offerte

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Acqua, bicarbonato e limone: benefici e controindicazioni

Torna su
NapoliToday è in caricamento