menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(foto Giulia Averaimo)

(foto Giulia Averaimo)

Edicolante ucciso nella metro di Chiaiano, imputato condannato a 8 anni

Il 37enne di nazionalità nigeriana accusato dell'omicidio di Ulderico Esposito, l'edicolante 51enne ucciso all'interno della stazione metropolitana linea 1 di Chiaiano, è stato giudicato con il rito abbreviato

E' stato condannato a 8 anni di reclusione per omicidio preterintenzionale Alfred Idimudia, il 37enne nigeriano accusato dell'omicidio di Ulderico Esposito, l'edicolante della stazione di Chiaiano morto il 4 luglio 2019. Ulderico Esposito fu colpito con due pugni al volto all'interno della stazione della metropolitana la sera dell'8 giugno. Meno di un mese dopo il 51enne morì nell'ospedale Cardarelli di Napoli. L'uomo è stato condannato con il rito abbreviato. 

Una targa per Ulderico Esposito

Il giudice non ha concesso attenuanti generiche e ha confermato l'aggravante dei futili motivi. "La vita di mio marito valeva 8 anni?" ha detto all'Ansa la vedova di Ulderico Esposito. "Lo scorso anno - ha aggiunto - è stato ucciso un uomo giusto, un marito e un papà esemplare. Nonostante la delusione voglio continuare a credere nella giustizia e a battermi affinché mio marito non sia dimenticato. Per fortuna - ha concluso Daniela Manzi - in Italia abbiamo tre gradi di giudizio, andrò fino in fondo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento