menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ecospesa

Ecospesa

Eco-spesa a Napoli, ora si può con "Sballati e…Compost-i!"

Il progetto dell'Assessorato all'Ambiente del Comune di Napoli, in collaborazione con Anea, Agenzia Napoletana Energia e Ambiente, invita i napoletani all'eco-spesa

Eco-spesa a Napoli, ora si può! Il progetto dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli, in collaborazione con Anea, Agenzia Napoletana Energia e Ambiente si chiama “Sballati e…Compost-i!” e invita i cittadini partenopei a fare la spesa con particolare attenzione all'impatto sull'ambiente.

È online, infatti, l’elenco degli oltre 70 esercizi commerciali di Napoli e provincia con prodotti con imballaggi ridotti/nulli, riutilizzabili e composti da materiale riciclato o che favoriscono il compostaggio domestico.

Con questa iniziativa l'amministrazione comunale si pone l’obiettivo di sensibilizzare non solo i cittadini, ma anche gli esercizi commerciali e il mondo produttivo a scelte più attente nei riguardi dell’ambiente. L’elenco dei punti vendita aderenti al progetto, a disposizione dei cittadini, è consultabile sul sito dell'Anea ed è sempre aperto per gli esercizi commerciali virtuosi interessati ad aderire all’iniziativa.

Ad oggi, come si legge su Comunicareilsociale, sono più di 20 i prodotti eco-sostenibili, a disposizione dei cittadini napoletani, individuati nei punti vendita che hanno aderito all’iniziativa, dopo sole due settimane dal suo lancio: detersivi e alimenti alla spina (cereali, pasta, riso e legumi sfusi, ecc.), pannolini lavabili, lettiere ecologiche, cartucce ricaricabili, lampadine ad energia solare, detergenti per la persona.

Obiettivo del progetto, realizzato in collaborazione con le associazioni Confcommercio, Confesercenti, Federconsumatori, Legambiente e Wwf, è quello di facilitare i cittadini nella ricerca e nell’individuazione degli esercizi commerciali virtuosi, selezionando, entro la fine del 2012 almeno 100 prodotti diversi distribuiti in più di 200 punti vendita del napoletano per poi monitorarne la vendita, al fine di contribuire alla riduzione del quantitativo di imballaggi (circa il 35% del totale) e di frazione organica (il 40% del totale), presente nei rifiuti.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento