Carcere di Secondigliano, Sappe: "Intercettato drone con 6 cellulari per detenuti"

La denuncia del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria

Nella serata di lunedì un drone è stato intercettato nel centro penitenziario di Secondigliano con 6 telefonini diretti ai detenuti. A dare la notizia è il Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe.

"Dal muro di cinta una sentinella della Polizia Penitenziaria si è accorta del volo di un drone che, in avaria, è precipitato prima di giungere al Reparto detentivo S2, nel cortile dei passeggi del carcere. Il drone trasportava ben 6 cellulari, quattro del tipo micro e due smartphone, tutti perfettamente funzionanti, con carica batteria e varie sim. Solo qualche giorno fa, sempre nel carcere di Secondigliano, sono stati scoperti in alcune celle, durante una operazione di servizio, altri quattro telefoni in uso illecito ai detenuti. E nelle giornate di sabato e domenica è nel penitenziario di Poggioreale che, durante alcune perquisizioni della Polizia Penitenziaria, altri telefonini sono stati rinvenuti e sequestrati", spiega il segretario nazionale per la Campania del Sappe, Emilio Fattorello

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' dal 2015 che abbiamo denunciato l'introduzione illecita di sostanze stupefacenti, e di oggetti comunque non consentiti, all'interno degli Istituti penitenziari, proprio attraverso l'utilizzo dei droni - denuncia Donato Capece, segretario generale del Sappe - Pensiamo cosa potrebbe accadere se un drone riuscisse a trasportare esplosivo o armi dentro a un carcere. Credo che la Polizia Penitenziaria debba disporre di un Nucleo di agenti specializzati nell'utilizzo e nella gestione dei droni, sia in ottica preventiva che dissuasiva, dei fenomeni di violazione degli spazi penitenziari o di introduzione di materiale illecito di qualsiasi natura. Peraltro i droni si prestano bene alla ricognizione delle aree vicine ad un carcere e possono fornire valido aiuto: pensiamo, ad esempio, in caso di evasione giacché consentono velocemente di rilevare e monitorare ampi spazi senza essere visti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, arriva la nuova ordinanza regionale: coprifuoco e divieto di mobilità fra province

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Protesta Whirlpool, operai bloccano l'imbocco dell'A3: auto incolonnate

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

  • SuperEnalotto da capogiro a Bacoli, vincita da mezzo milione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento