Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Polizia penitenziaria: "Droga e violenze sessuali nel carcere di Poggioreale"

 

"Il carcere di Poggioreale è l'inferno, andrebbe chiuso e abbattuto. All'interno entra di tutto, droga, telefoni, e la camorra comanda i suoi traffici da qui". Stavolta non sono i detenuti a puntare il dito contro la casa circondariale di Napoli. A parlare è Aldo Di Giacomo, il segretario nazionale del Sindacato polizia penitenziaria, al termine di un'ispezione.

"Questa struttura è l'emblema di tutto il male delle carceri italiane. - prosegue il sindacalista - Il sistema di detenzione con le celle aperte non migliora la vita dei detenuti perché i più deboli soccombono sotto le angherie dei più forti. Anche a Poggioreale sono aumentale le violenze sessuali". 

Il carcere di Poggioreale, come altri istituti, non è impermeabile alla criminalità: "Entra di tutto - denuncia Di Giacomo - abbiamo trovato 11 chili di droga, quasi 900 telefonini. I camorristi comunicano facilmente con l'esterno e stabiliscono dall'interno le dinamiche criminali della città. Alcuni, quelli che pensano di essere a rischio, si fanno arrestare di proposito per poter continuare a comandare con tranquillità. Nel carcere di Poggioreale non è pensabile poter rieducare nessuno". 

A testimonianza delle parole del segretario del Spp, durante l'intervista ci ha raggiunto la madre di un detenuto, che preferisce restare anonima, in ansia per la salute del figlio: "Deve scontare pochi mesi perché non ha rispettato l'affidamento a una parrocchia. a già tentato il suicidio due volte. Ha bevuto la candeggina, ha cercato di impiccarsi. Chiedo solo che possa essere affidato a una struttura di salute mentale. Ho già perso un figlio, non voglio perdere anche lui". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento