rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca

Il pronto soccorso è chiuso, donna muore davanti all'ospedale: "Non c'era un medico per rianimarla?"

Inutili i tentativi del 118 giunto sul posto

Una grande tragedia si è consumata giovedì sera davanti all'ospedale San Giovanni Bosco, dove una 50enne giunta con il compagno per farsi visitare è morta prima dell'accesso.

Sul posto sono giunti i soccorsi del 118 visto che il pronto soccorso del San Giovanni Bosco non è operativo. Per la donna, però, non c'è stato niente da fare. Intanto, è stata disposta l'autopsia per chiarire le cause della morte.

"Non c'era un medico per rianimarla?"

Sulla vicenda è intervenuta - con una nota - anche l'organizzazione Nessuno Tocchi Ippocrate che eleva un plauso all'operato del 118, ma si interroga anche sul presunto mancato intervento dei medici dell'ospedale. 

"Riguardo questa triste vicenda…… Complimenti al 118 di Napoli che ha inviato in maniera fulminea una ambulanza per cercare di rianimare la povera signora….. Le nostre domande più che lecite:

1) possibile che nel San Giovanni Bosco non c’era nessun medico/infermiere che ,per “stato di necessità “ , poteva uscire fuori alla struttura ad effettuare una rianimazione cardiopolmonare? NON VOGLIAMO CREDERCI! 2) Poteva essere una morte evitabile? 3) C’è stata OMISSIONE DI SOCCORSO? Stiamo parlando di una donna di 53 anni che è morta davanti al cancello di un ospedale.

L’unica cosa che possiamo affermare con certezza è che come medici abbiamo fatto un giuramento e che aldilà di procedure, protocolli abbiamo l’obbligo professionale e morale di intervenire se una persona è in fin di vita. Il resto? È solo fuffa! Complimenti ancora al 118 di Napoli!".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pronto soccorso è chiuso, donna muore davanti all'ospedale: "Non c'era un medico per rianimarla?"

NapoliToday è in caricamento