Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Donna legata al guinzaglio: "Lui mi controllava su tutto. Non ricordo cosa è successo"

 

"Lui mi controllava su tutto, volevo andare via di casa ma lui mi ha picchiata e legata al guinzaglio, poi non ricordo più nulla". Madu è ancora ricoverata nel Centro Traumi dell'Ospedale Cardarelli di Napoli, dove i medici la stanno rimettendo in piedi dopo che la giovane donna dello Sri Lanka è stata picchiata dal compagno, un connazionale. Non vuole mostrare il volto Madu, nè rendere pubblico il suo vero nome perché ha paura.  

La lite è avvenutail 29 dicembre, quando Madu, che vive a Napoli da 5 anni e lavora come collaboratrice domestica, stanca dei continui soprusi del convivente decide di lasciare casa. "Avevo fatto la valigia, ma lui mi ha gettato via il cellulare, mi ha picchiata e mi ha legata al guinzaglio. Dopo, non ricordo più nulla di quello che è successo". Ciò che la donna non ricorda è di essere stata trascinata con il guinzaglio per i gradoni di Chiaia, riportando traumi che, per fortuna, non si sono rivelati gravi. 

"Io voglio solo lavorare, mando soldi a mia figlia che vive in Sri Lanka e sta studiando. Vorrei aiutare mia madre e mia sorella. Qui non ho nessuno, avevo solo lui. Questo mese non ho potuto mandare soldi alla mia famiglia. Voglio uscire dall'ospedale presto per tornare a lavorare". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento