L'ex marito le diede fuoco in auto: Maria Antonietta torna a casa ad un anno dall'aggressione

Per la vicenda, che risale all'11 marzo dell'anno scorso, è in carcere l'ercolanese Ciro Russo

Maria Antonietta Rositani l'11 marzo del 2019 è stata vittima dell'orrendo tentato omicidio da parte dell'ex marito, l'ercolanese Ciro Russo: l'uomo le gettò addosso della benzina dandole fuoco. Adesso è tornata a casa, in Calabria, ad un anno dalla tragedia.

 

Avendo riportato gravi ustioni, Rositani è stata a lungo in pericolo di vita. È stata ricoverata per lungo tempo nel Centro grandi ustioni di Brindisi dove è stata curata fino ad oggi.

VIDEO - LE TERRIBILI IMMAGINI DELL'AGGRESSIONE

"Maria Antonietta è tornata la sua città - afferma Cinzia Nava, presidente della Commissione regionale pari opportunità della Calabria - e non poteva esserci notizia più bella in questo momento di isolamento, sbandamento e paura, a causa dell'emergenza coronavirus. È passato un anno da quel gesto di violenza e lei ha trovato nel coraggio di cui, a volte, sono capaci solo le donne e nell'amore smisurato per i suoi figli, la vera ragione di vivere e di superare una prova durissima".

I MESSAGGI INVIATI DA CIRO RUSSO ALL'EX MOGLIE

L'ex marito all'epoca si trovava agli arresti domiciliari nella sua città, ad Ercolano. Evase per arrivare fino in Calabria e tentare di uccidere la donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 18 al 22 gennaio (giorno per giorno)

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

Torna su
NapoliToday è in caricamento