rotate-mobile
Cronaca

Cerca di avvicinarsi a don Patriciello armato di coltello: fermato suocero del boss di camorra

Lo stesso anziano ha mostrato l'arma da taglio agli agenti che gliel'hanno sequestrata prima di denunciarlo

"Ennesimo atto di intimidazione subito a Caivano da don Patriciello, dove un uomo, suocero del boss Ciccarelli, armato di coltello, è stato fermato dalle forze dell'ordine mentre cercava di avvicinarsi a lui durante il consueto saluto ai fedeli", spiega il presidente della Commissione antimafia Chiara Colosimo esprimendo "solidarietà e vicinanza" al prete antimafia. "Il lavoro, insieme con l'evangelizzazione, che don Maurizio sta portando avanti è fondamentale per strappare quelle terre alla criminalità organizzata e noi saremo sempre al suo fianco in questa battaglia per la giustizia e la libertà", ha aggiunto Colosimo.

La ricostruzione dell'accaduto

Secondo quanto ricostruito il 74enne Vittorio De Luca, suocero del boss Domenico Ciccarelli,  affetto da uno stato di salute psicologico precario, sarebbe stato bloccato prima di raggiungere il parroco anticamorra, per essere poi subito allontanato. Lo stesso anziano ha poi mostrato l'arma da taglio agli agenti che gliel'hanno sequestrata prima di denunciarlo. 

Rastrelli: "Non abbandoneremo mai don Patriciello"

“L’atto di intimidazione subito da don Patricello a Caivano non deve restare senza conseguenze. L’azione che il governo sta portando avanti a Caivano sta dando i suoi frutti ma questo non fa demordere la camorra cui non va ancora giù che un territorio sotto il suo dominio le sia stato strappato di mano da un esecutivo, quello Meloni, che non intende rinunciare in alcun modo a riportare questo territorio ad essere libero da spaccio e delinquenza. A don Patricello giunga perciò la solidarietà di Fratelli d’Italia, stia pur tranquillo che non lo abbandoneremo mai”, dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Sergio Rastrelli.

"Allarmante"

“Tutta la mia solidarietà a don Maurizio Patriciello per il gravissimo atto intimidatorio avvenuto a Caivano. Grazie alle Forze dell’ordine che hanno prontamente fermato l’uomo, suocero del boss Ciccarelli, mentre armato di coltello cercava di avvicinare don Patriciello. Un episodio allarmante, che deve rafforzare la vicinanza e il sostegno delle istituzioni all’encomiabile lavoro di don Maurizio per sottrarre il territorio alla morsa della camorra. Lo Stato è e continuerà ad essere sempre al suo fianco”. Lo scrive in una nota il deputato di Sottosegretario di Stato al Mit, Tullio Ferrante di Forza Italia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerca di avvicinarsi a don Patriciello armato di coltello: fermato suocero del boss di camorra

NapoliToday è in caricamento