Esplosivi, documenti falsi e piantine di città europee a casa di un uomo: la scoperta a Chiaia

Gli agenti della municipale, a Chiaia, erano a casa dell'uomo per eseguire un trattamento sanitario obbligatorio

L’Unità Operativa Chiaia della polizia municipale ha eseguito un trattamento sanitario obbligatorio trovando all'interno dell'abitazione di un uomo, affetto da disturbi psichici, materiale altamente pericoloso.

Si tratta di armi, munizioni, materiale esplosivo, numerosi coltelli, benzina, documenti falsificati, piantine di città europee e soldi.

Quanto scoperto, insieme ad un pc e vari supporti informatici con mappe, è stato sottoposto a sequestro a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Il materiale pericoloso è stato messo in sicurezza. Infine, l'uomo è stato ricoverato per il trattamento in un locale presidio ospedaliero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento nessuna ipotesi è esclusa in quanto sono ancora in corso le indagini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Addio al Castello delle Cerimonie in tv? Arriva il chiarimento

  • Lutto nel cuore di Napoli, muore a 30 anni l'attore O' gemello

  • Temporali d'agosto in arrivo a Napoli: temperature giù di 10 gradi

  • Fabio Fulco convola a nozze: l’attore di Un Posto al Sole sposerà Veronica

  • Il Coronavirus torna a far paura, due morti: il più giovane aveva 45 anni

  • Ritrovata dopo 24 ore di ricerche, Claudia è in coma farmacologico

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento