rotate-mobile
Sabato, 24 Febbraio 2024

Disoccupati assediano il Comune: "Non mantenuti gli impegni. Sarà guerra"

I movimenti '7 Novembre' e '167 Scampia' hanno manifestato contro l'Amministrazione: "Ci hanno promesso progetti, invece ci arrivano denunce"

"Senza lavoro non ci sarà pace". E' stato necessario l'intervento della celere per 'difendere' il palazzo del Consiglio comunale di Napoli, in via Verdi, dall'assalto di centianaia di disoccupati. Movimento 7 Novembre, Comitato 167 Scampia accusano l'Amministrazione comunale di non aver mantenuto le promesse fatte in questi mesi. 

"Dovevano essere messi in atto progetti che avrebbero garantito lavoro per centinaia di persone e migliori servizi alla città - spiega Eduardo Sorge, portavoce del Movimento 7 Novembre - invece, mentre da un lato il Comune ci rassicurava, dall'altro a chi ha manifestato in piazza sono arrivate solo denunce. Noi siamo qui per ribadire che non siamo disoccupati da divano che vogliono il Reddito di cittadinanza. Vogliamo essere impiegati in azioni per la collettività, come la raccolta differenziata porta a porta. Invece, il Governo riduce il Reddito per investire sulle armi".

Una delegazione è stata accolta nella sede del Consiglio comunale. Nel frattempo, i manifestanti hanno affisso degli striscioni anche sulle impalcature della Galleria Umberto e da Palazzo Reale, con vista su piazza Trieste e Trento. La scritta recita "Senza lavoro non ci sarà pace". I disoccupati di Napoli promettono alle istituzioni un inverno caldissimo. 

Video popolari

Disoccupati assediano il Comune: "Non mantenuti gli impegni. Sarà guerra"

NapoliToday è in caricamento