menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terzigno, ex discarica Ranieri è un lago di monnezza

Nel 2007 un finanziamento per una bonifica in realtà mai avvenuta. Sopralluogo del commissario straordinario dei Verdi Francesco Emilio Borrelli. "Situazione inaccettabile dal punto di vista ambientale"

Fu utilizzata nel 2000 per fronteggiare una emergenza rifiuti in Campania, ma oggi la discarica in località ex cava Ranieri, nelle campagne di Terzigno, è diventato un lago d'acqua piovana colmo di rifiuti.

Dopo aver effettuato un sopralluogo della zona, il commissario straordinario dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ha spiegato che la discarica ebbe nel 2007 un finanziamento per la bonifica da parte del ministero dell'Ambiente e della Provincia di Napoli. Ampio circa 500 metri quadrati, l'invaso fu coperto da un telone che, a causa delle piogge, é collassato, rendendolo oggi un lago artificiale di liquami maleodoranti colmo d'immondizia.

Borrelli parla adesso di "situazione inaccettabile dal punto di vista ambientale, da parte di chi aveva i soldi per procedere alla bonifica ambientale e che, invece, non l'ha fatta".

Parole anche dal presidente dei Verdi Angelo Bonelli, presente al sopralluogo: "E' plausibile che ci possa anche essere una compromissione della falda acquifera. I Verdi stanno avviando una ricognizione delle discariche sature da bonificare presenti nel Parco Nazionale del Vesuvio nei confronti delle quali già sono stati stanziati fondi per la bonifica. Per rendere credibile qualsiasi azione per fronteggiare la questione rifiuti - ha concluso Bonelli - è importante dare fiducia alla gente attuando quanto promesso, come la bonifica di tutte le discariche giunte a esaurimento".

 

L'autunno caldo dei rifiuti in Campania

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento