menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Resit Giugliano

Resit Giugliano

Discarica Resit di Giugliano, messa in sicurezza entro l'anno

L'area, sotto sequestro, è quella dove per lungo tempo sono state illecitamente smaltite scorie pericolose provenienti da tutta Italia. Al suo interno i rifiuti tossici bruciano da anni, dando vita al fenomeno delle "fumarole"

Entro la fine di dicembre saranno avviati i canteri per la messa in sicurezza della discarica "Resit" di Giugliano, al momento ancora sotto sequestro, dove per anni - come hanno raccontato i pentiti della camorra - illecitamente sono state smaltite scorie industriali pericolose provenienti da ogni angolo d'Italia. Ad annunciarlo è stato il commissario regionale per le bonifiche Mario De Biase, che oggi, insieme al presidente della Giunta regionale Stefano Caldoro e all'assessore all'Ambiente Giovanni Romano, ha presenziato all'avvio delle opere di spegnimento delle "fumarole" all'interno dell'invaso.

La combustione dei rifiuti va avanti ormai da cinque anni e le "fumarole" saranno trattate anche "iniezioni" di biossodio di carbonio e quindi di argilla, in modo da scongiurare il rischio di ulteriori combustioni. Più ampio il piano per la messa in sicurezza dell'invaso che prevede un trattamento che scongiuri un'infiltrazione dei veleni nelle falde acquifere. Un pericolo previsto anche dalla perizia disposta dall'autorità giudiziaria. Al momento è già stato avviato l'emungimento del percolato di rifiuti speciali e speciali pericolosi. Il trattamento, per quest'ultima categoria, dove avvenire in impianti particolari ed il costo di lavorazione si aggira intorno ai 600 euro a metro cubo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Attualità

Sorpresa per Serena Rossi a Canzone Segreta: "Non sapevo niente, vi giuro"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento